SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Attività

L’SPD e i Trattati di Roma

Nel 1957 la Spd votò a favore della ratifica dei Trattati istitutivi della Comunità Economica Europea e della Comunità Europea dell’Energia Atomica, dopo che per quasi un decennio si era opposta a tutte le principali tappe integrazioniste.

Se e fino a che punto la decisione di condividere gli obiettivi dei Trattati di Roma può essere considerata come un momento di svolta nella storia politica della socialdemocrazia tedesca?

La risposta a questa domanda non si presenta facile, innanzitutto a causa dell’ambivalenza che si riscontra, più in generale, nella posizione assunta dalla SPD in politica estera all’indomani della fine della seconda guerra mondiale.

A partire da un’analisi più approfondita della politica europea dal 1949 al 1957, si cercherà di discutere i fattori (interni e esterni) che hanno maggiormente influito sul rapporto tra la Spd e il processo d’integrazione europea, con l’intento di specificare le persistenze e/o gli eventuali mutamenti intervenuti nel corso del periodo considerato.