SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Attività

Programma

SISSCO
Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea

UNIVERSITÀ DI TRIESTE
Dipartimento di Storia e Storia dell’Arte
Dipartimento di Scienze Geografiche e Storiche
Dipartimento di Scienze dell’Uomo

Cantieri di Storia V
Quinto incontro nazionale sulla storia contemporanea
Trieste 23-24-25 settembre 2009

con il contributo:
Regione autonoma Friuli Venezia Giulia
Provincia di Trieste
Comune di Trieste – Assessorato alla Cultura – Civici Musei di Storia ed Arte
Fondazione CRTrieste
Sculler Boston Trieste

con la collaborazione scientifica di:
Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione FVG

PRESENTAZIONE

Trieste è la sede di Cantieri di Storia 2009, il quinto incontro nazionale sulla storia contemporanea organizzato dalla SISSCo.
Nell’arco di quasi un decennio – Urbino 2001, Lecce 2003, Bologna 2005, Marsala 2007 – Cantieri di Storia è divenuto il principale momento di incontro tra studiose/i di storia contemporanea di generazioni diverse – ricercatori e studenti, dottorandi e docenti, soci e no – che hanno modo di confrontarsi su temi e metodi innovativi, dibattiti storiografici nazionali e internazionali. Un’occasione dunque per creare nuove reti di ricerca, scambiare opinioni, cogliere suggestioni di lavori in corso, valorizzare la ricerca in generale e quella dei giovani in particolare.
I seminari tematici – selezionati dal Comitato Scientifico sulla base di un call for panels – riflettono le tendenze della storia contemporanea in Italia, e non solo. Saranno 24 e si svolgeranno – 8 in parallelo – il 23 pomeriggio, il 24 mattina e il 25 mattina.
Questa edizione ha però introdotto una novità. Comitato Organizzatore e Comitato Scientifico hanno pensato di aprire alla cittadinanza due seminari “straordinari” su tematiche di rilievo per il territorio perché Cantieri possa costituire un momento di interazione anche con i non addetti ai lavori. Nel pomeriggio del 23 settembre si svolgerà dunque il seminario Insegnare storia contemporanea in una regione di frontiera. Problemi storiografici e prospettive didattiche, e nella mattinata del 25 settembre Spazi di lavoro e di vita nella Venezia Giulia del Novecento.
Sono ancora le caratteristiche culturali di Trieste – scenario in cui scienze sperimentali e umanistiche si intrecciano – ad ispirare la lezione di Gilberto Corbellini, L’immunologia: origini, sviluppi conoscitivi, impatto culturale e sociale e la tavola rotonda Scienza della storia, storie delle scienze, a cui partecipano relatori di diversi settori disciplinari e diverse appartenenze: Università ed Enti di Ricerca.
L’organizzazione di Cantieri di Storia è stata possibile grazie all’Università di Trieste – Dipartimenti di Storia e Storia dell’Arte, di Scienze Geografiche e Storiche, di Scienze dell’Uomo – e ad una serie di istituzioni locali: la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, la Provincia di Trieste, il Comune di Trieste – Assessorato alla Cultura, Civici Musei di Storia e Arte -, la Fondazione CRTrieste. L’Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli Venezia Giulia ha offerto la sua collaborazione scientifica. La Sculler Boston s.r.l. di Trieste ha sostenuto le borse di partecipazione per i giovani ricercatori. I luoghi del convegno cambiano di giorno in giorno, offrendo ai convegnisti la possibilità di scoprire Trieste. Dalla Facoltà di Scienze della Formazione sul Colle di San Vito, al Museo Sartorio in Città Vecchia; dalla Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori nel cuore del Borgo Teresiano alla Stazione Marittima, protesa sul Golfo di Trieste.
Benvenuti a Trieste dunque e – anche a nome del Presidente e del Comitato Direttivo della SISSCo – buoni Cantieri di Storia 2009.
Il Comitato Scientifico: Giuseppe Battelli, Tullia Catalan, Anna Lucia de Nitto, Marco Dogo, Guido Formigoni, Enrico Francia, Federico Romero (coordinatore), Marco Rovinello, Mariuccia Salvati. Il Comitato Organizzatore: Diego D’Amelio, Annalisa Di Fant, Patrick Karlsen, Giulio Mellinato, Bojan Mitrovic, Gloria Nemec, Raoul Pupo, Monica Rebeschini, Maria Elena Seu, Anna Maria Vinci, Sabrina Ventre, Elisabetta Vezzosi (coordinatrice).

PROGRAMMA
MERCOLEDÌ 23 SETTEMBRE 2009

h. 14.30 / Facoltà di Scienze della Formazione, Via Tigor 22
Inaugurazione e saluti

h. 15.00-17.30

Prima sessione

1. Rappresentazioni del corpo violato nella Grande guerra Coordinatrice: Teresa Bertilotti (LUMSA, Roma)

  1. I mutilati. Il corpo-manifesto della guerra Barbara Bracco (Università di Milano-Bicocca)
  2. Pratiche urbane, entertainments e rappresentazione della violenza Teresa Bertilotti (LUMSA, Roma)
  3. Per il recupero del corpo mutilato: la politica della protesi nel pensiero di F. T. Marinetti Anthony Martire (University of California, Berkeley)
  4. Gerarchizzazione medico-giuridica del corpo: le pensioni di guerra e il primo conflitto mondiale in Italia Gian Marco Vidor (Fondazione Fabretti, Torino)

Discussant: Oliver Janz (Freie Universität, Berlin)

2. Storia dal basso e subalternità negli studi sul Medio Oriente e Nord Africa in Italia Coordinatrice: Francesca Biancani (London School of Economics – Università di Bologna)

  1. Voci subalterne nella Tunisia coloniale. Il caso di Thibar attraverso le fonti missionarie Daniela Melfa (Università di Catania)
  2. Dei “contrabbandieri”, delle “spie” e delle “tribù dissidenti”: riflessioni libere sulla storia del Marocco del XX secolo Francesco Correale (CITERES-EMAM, Tours)
  3. La gerarchia della prostituzione moderna al Cairo all’inizio del XX secolo Francesca Biancani (London School of Economics – Università di Bologna)
  4. Subalternità e processi di soggettivazione. Il caso dei Beta Israel Serena Marcenò (Università di Palermo)

Discussant: Clelia Bartoli (Università di Palermo)

3. Il petrolio nella storia del Novecento: tra business history, storia sociale e storia ambientale Coordinatrice: Elisabetta Bini (New York University)

  1. Per una storia della raffinazione petrolifera “indipendente” (a partire dal caso ERG) Paride Rugafiori (Università di Torino)
  2. L’ENI esportatrice di modernità nel “Terzo Mondo”: il caso della Scuola di Studi Superiori sugli Idrocarburi Elisabetta Bini (New York University)
  3. Petrolio e comunicazione in un’impresa indipendente italiana tra la Ricostruzione e gli anni Novanta del Novecento Ferdinando Fasce (Università di Genova)
  4. Petrolio e ambiente: note storiche sulla raffinazione degli idrocarburi in Italia tra sviluppo, degrado del territorio e sostenibilità Roberto Tolaini (Università di Genova)

Discussant: Pierangelo M. Toninelli (Università di Milano-Bicocca)

4. Per scelta e per forza: la mobilità scientifica italiana nel Novecento Coordinatrice: Patrizia Guarnieri (Università di Firenze)

  1. Dagli Usa all’Europa e viceversa: circolazione delle idee scientifiche e percorsi individuali nel primo Novecento Patrizia Guarnieri (Università di Firenze)
  2. Cervelli in fuga. Ma da chi? L’emigrazione degli scienziati italiani nel Regno Unito (1938-1943) Simone Turchetti (University of Leeds)
  3. Scienziati italiani negli Stati Uniti. Comunità scientifiche e reti sociali (1930-1960) Alessandra Gissi (Università di Napoli L’Orientale)
  4. Fuga, scambio o circolazione dei cervelli? La mobilità scientifica nell’era della globalizzazione M. Carolina Brandi (CNR, Roma)

Discussant: Pietro Greco (SISSA, Trieste)

5. Il partito dei cattolici e la questione della leadership (1942-1978) Coordinatore: Michele Marchi (Università di Bologna)

  1. Una “leadership fredda”: l’esperienza politica di Alcide De Gasperi Maurizio Cau (FBK Studi italo-germanici, Trento)
  2. La DC e la leadership di Giuseppe Dossetti Enrico Galavotti (Istituto per le Scienze religiose, Bologna)
  3. Tra partito e Stato: la leadership di Amintore Fanfani tra rotture e continuità Vera Capperucci (LUISS Guido Carli, Roma)
  4. Aldo Moro: la leadership duplice di un politico post-democristiano? Michele Marchi (Università di Bologna)

Discussant: Giorgio Vecchio (Università di Parma)

6. Tra guerra fredda e impegno culturale. La riflessione critica sul comunismo di alcuni intellettuali italiani nel dopoguerra Coordinatore: Andrea Mariuzzo (Scuola Normale Superiore, Pisa)

  1. La guerra fredda culturale in Italia: il caso dell’Associazione italiana per la libertà della cultura (1951-1967) Daniela Muraca (INSMLI, Milano)
  2. L’anticomunismo di Nicola Chiaromonte Cesare Panizza (Università di Torino)
  3. La riflessione sul comunismo nella French-Italian Inquiry di Mario Einaudi (1951-1955): prime evidenze documentarie e ipotesi di ricerca Andrea Mariuzzo (Scuola Normale Superiore, Pisa)

Discussant: Marc Lazar (Institut d’Etudes Politiques, Paris – LUISS Guido Carli, Roma)

7. Sessant’anni dopo. La nascita della “nuova Cina”: aspetti e problemi storici e storiografici Coordinatore: Guido Samarani (Università Ca’ Foscari, Venezia)

  1. Opinione pubblica e Nuova Democrazia: il PCC e il sistema d’informazione della Repubblica Popolare Cinese fra il 1949 e il 1953 Laura De Giorgi (Università Ca’ Foscari, Venezia)
  2. Le Campagne di mobilitazione di massa in Cina nei primi anni Cinquanta Federica Ferlanti (Università di Oxford)
  3. La politica religiosa in Cina prima e dopo il 1949 Elisa Giunipero (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano)
  4. Il partito comunista cinese e la vittoria nella guerra civile: considerazioni su un quadro complesso Flavia Solieri (Università di Urbino Carlo Bo)

Discussant: Agostino Giovagnoli (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano)

8. Aiuti esteri e dilemmi italiani. Nuove ricerche in corso Coordinatrice: Claudia Villani (Università di Bari)

  1. Politica agraria e organizzazione degli interessi nell’Italia centrista: la Coldiretti e il mais ibrido Emanuele Bernardi (Università di Roma La Sapienza)
  2. Aiuti allo sviluppo e guerra fredda: questioni storiografiche Carlo Spagnolo (Università di Bari)
  3. Un rapporto alla pari. I primi prestiti della Banca Mondiale all’Italia Michele Alacevich (Università di Palermo) – Mauro Campus (Università di Firenze)
  4. Dalla BIRS alla BEI: l’interesse nazionale/internazionale per il Mezzogiorno d’Italia Claudia Villani (Università di Bari)

Discussant: Leandra D’Antone (Università di Roma La Sapienza)

h. 18.00-20.00 / Civico Museo Sartorio, Sala Giorgio Costantinides, Largo Papa Giovanni XXIII

Seminario pubblico
Insegnare storia contemporanea in una regione di frontiera. Problemi storiografici e prospettive didattiche Coordinatore: Fulvio Salimbeni (Università di Udine)

  1. Un progetto di storia condivisa: un’ipotesi di guida alla storia contemporanea di una regione transfrontaliera Fulvio Salimbeni (Università di Udine)
  2. Un territorio e tanti confini: una storia comune a più Stati. Riflessioni didattiche sull’Alto Adriatico, tra geografia, demografia e toponomastica Franco Cecotti (IRSML Friuli Venezia Giulia, Trieste)
  3. Lessico familiare: l’uso delle parole quando si parla di storia Marta Ivašič (Liceo scientifico statale con lingua d’insegnamento slovena / Državni znanstveni licej s slovenskim učnim jezikom France Prešeren, Trieste)
  4. Le città bombardate: un percorso su fonti d’archivio, diari e testimonianze. Un’esperienza di storia sul territorio Alessandra Russo (Istituto magistrale Caterina Percoto Liceo linguistico, sociale e pedagogico, Udine)
  5. Per un manuale di storia: diacronie e sincronie cronologiche. Una proposta di lavoro di storia regionale sull’Adriatico orientale Roberto Spazzali (Deputazione di Storia Patria per la Venezia Giulia, Trieste)

Discussant: Anna Maria Vinci (Università di Trieste)

GIOVEDÌ 24 SETTEMBRE 2009
h. 9.30-12.00
Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori, Via F. Filzi 14
Seconda sessione

9. Stato sociale e welfare compensativo nell’esperienza italiana del secondo dopoguerra Coordinatrice: Daniela Adorni (Università di Torino)

  1. I diritti sociali nell’Italia del secondo dopoguerra: una cittadinanza “octroyée” Daniela Adorni (Università di Torino)
  2. Le anomalie del Welfare State italiano Stefano Magagnoli (Università di Parma)
  3. Politiche di assistenza alla maternità e all’infanzia Silvia Inaudi (Università di Torino – EHESS Paris)
  4. Le politiche pubbliche dell’abitare: iniziativa statale e mobilitazione dal basso Davide Tabor (Università di Torino)

Discussant: Fabio Sforzi (Università di Parma)

10. Frontiera, periferia. Strategie di sviluppo nel fascismo dell’area alto adriatica Coordinatori: Laura Cerasi (Università di Udine) – Rolf Petri (Università Ca’ Foscari, Venezia)

  1. L’Italia e Trieste tra diplomazia e crisi economica Pasquale Cuomo (Università di Pisa)
  2. La “porta orientale” fra spazio nazionale e Mitteleuropa. Fascismo e progetti di integrazione e sviluppo per il porto di Trieste Laura Cerasi (Università di Udine)
  3. Annettere e connettere: l’Istria e Fiume Stefano Petrungaro (Università di Padova)

Discussant: Anna Millo (Università di Bari) – Egidio Ivetic (Università di Padova)

11. Infanzia negata Coordinatrice: Elena Dundovich (Università della Tuscia)

  1. I bambini spazzacamino E. Dundovich (Università della Tuscia)
  2. Bambini sotto il nazionalsocialismo Sara Valentina di Palma (Università di Siena)
  3. Infanzia nel Gulag sovietico (1930-1950) Dorena Caroli (Università di Macerata)
  4. Parentela, nazione e infanzia in Polonia nel secondo dopoguerra Stefania Bernini (University of New South Wales, Sydney)

Discussant: Bruna Bianchi (Università Ca’ Foscari, Venezia)

12. Ricerche di storia internazionale del Medio Oriente: nuove intersezioni disciplinari Coordinatori: Matteo Gerlini (Università di Firenze) – Massimiliano Trentin (Università di Padova)

  1. Gli studi sul Medio Oriente: nuovi e vecchi paradigmi interpretativi Rosita Di Peri (Università di Torino)
  2. Quale “modernità” per il Medio Oriente? Le politiche economiche nella regione negli anni Sessanta e Settanta Massimiliano Trentin (Università di Padova)
  3. Guerra fredda in Medio Oriente? Dallo squilibrio nucleare alla ricerca dello “strategic consensus” Matteo Gerlini (Università di Firenze)
  4. Sviluppo economico e autoritarismo politico: l’Iran dei Pahlevi fra modernizzazione e guerra fredda Claudia Castiglioni (Università di Firenze)

Discussant: Michelguglielmo Torri (Università di Torino)

13. Storie e memorie contese della Seconda guerra mondiale in Jugoslavia Coordinatore: Eric Gobetti (INSMLI, Milano)

  1. Creating a Public Sphere: Remembrance Practices of Survivors of the Former Concentration Camp Jasenovac Heike Karge (Universität Regensburg)
  2. Deifying the Defeated: Commemorating Bleiburg since 1990 Vjeran Pavlakovic ( Sveučilište u Rijeci / Università di Fiume)
  3. The Memory of Collaboration and Mass Crime in Communicative Memories in Croatia and Serbia Natalija Basic (Ludwig Boltzmann Institut für Europäische Geschichte und Öffentlichkeit / Istituto per la storia e la sfera pubblica europea, Wien)
  4. Memoria e storiografia sull’occupazione italiana in Jugoslavia (1941-1943) Eric Gobetti (INSMLI, Milano)

Discussant: Emilio Cocco (Università di Teramo)

14. La storia delle relazioni internazionali oggi: stato dell’arte e prospettive di ricerca Coordinatrice: Maria Eleonora Guasconi (Università di Urbino Carlo Bo)

  1. Continuità e discontinuità nella storia delle relazioni internazionali dopo la fine della guerra fredda Leopoldo Nuti (Università di Roma Tre)
  2. Politica ed economia nella storia delle relazioni internazionali Bruna Bagnato (Università di Firenze)
  3. L’effetto “fine della guerra fredda” sulla storia dell’integrazione europea Ilaria Poggiolini (Università di Pavia)
  4. La storia delle relazioni internazionali e il dibattito sugli anni Settanta Maria Eleonora Guasconi (Università di Urbino Carlo Bo)

Discussant: Max Guderzo (Università di Firenze)

15. Tedeschi al fronte, stranieri in officina! Coordinatore: Brunello Mantelli (Fondazione Memoria della Deportazione, Milano – Università di Torino)

  1. Introduzione: il prelievo di manodopera nel contesto della politica di occupazione Brunello Mantelli (Fondazione Memoria della Deportazione, Milano – Università di Torino)
  2. La rilevanza quantitativa del fenomeno Sara Bergamasco (Fondazione Memoria della Deportazione, Milano – Istituto Livio Saranz, Trieste)
  3. Le modalità di “reclutamento”: precettazioni e rastrellamenti Toni Rovatti (Fondazione Memoria della Deportazione, Milano – Scuola superiore di studi di storia contemporanea dell’INSMLI, Milano)
  4. Le “Gefangenenaktionen” come modalità di recupero di manodopera Andrea Ferrari (Fondazione Memoria della Deportazione, Milano – ANED, Bologna)
  5. Il lavoro coatto in Germania tra accordi ufficiali ed esperienze concrete Irene Guerrini (Fondazione Memoria della Deportazione, Milano – Università di Genova)

Discussant: Lutz Klinkhammer (Deutsches Historische Institut, Roma)

16. Identità e religioni negli spazi imperiali tra Otto e Novecento Coordinatore: Roberto Morozzo della Rocca (Università di Roma Tre)

  1. Identità religiose nell’Impero Austro-Ungarico Alfredo Canavero (Università di Milano)
  2. Dal millet alla nazione: la difficile transizione dei cristiani ottomani Giorgio Del Zanna (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano)
  3. Dissenso religioso e razionalismo popolare nell’Impero russo (1850-1905) Antonella Salomoni (Università della Calabria)
  4. Il caso sovietico: secolarizzazione o nuova religione? Roberto Morozzo della Rocca (Università di Roma Tre)

Discussant: Alberto Melloni (Università di Modena e Reggio Emilia)

h. 15.00-17.00 / Palazzo dei Congressi Stazione Marittima, Molo Bersaglieri 3
Sessione plenaria

Lectio magistralis di Gilberto Corbellini (Università di Roma La Sapienza): L’immunologia: origini, sviluppi conoscitivi, impatto culturale e sociale

Tavola rotonda: Scienza della storia, storie delle scienze
Partecipanti: Paola Govoni (International Centre for the History of Universities and Science CIS, Università di Bologna) Fulvio Longato (Università di Trieste) Giuseppe Mussardo (SISSA, Trieste) Carlo Rizzuto (Sincrotrone Trieste) Francesco Russo (Università di Udine – AREA Science Park, Trieste)
Coordinatore: Fabio Pagan (giornalista scientifico)

h. 17.30-18.30 Assemblea dei soci SISSCo
h. 18.30 Conferimento dei premi SISSCo e ANCI–Storia
h. 20.30 Cena sociale

VENERDÌ 25 SETTEMBRE 2009
h. 9.00-11.30 / Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori, Via F. Filzi 14
Terza sessione

17. Il problema delle “foibe” Coordinatore: Gorazd Bajc (Univerza na Primorskem, Koper / Università del Litorale, Capodistria)

  1. “Foibe”, un problema triestino. Anche italiano? Joze Pirjevec (Univerza na Primorskem, Koper / Università del Litorale, Capodistria)
  2. Le “foibe istriane” del ’43: problemi di interpretazione storica Darko Dukovski ( Sveučilište u Rijeci / Università di Fiume)
  3. Il problema delle “foibe” del ‘45 negli archivi sloveni (jugoslavi) e italiani Nevenka Troha (Inštitut za novejšo zgodovino, Ljubljana / Istituto per la storia contemporanea, Lubiana)
  4. Arresti, deportazioni e rimpatrii: le rilevazioni statunitensi e britanniche Gorazd Bajc (Univerza na Primorskem, Koper / Università del Litorale, Capodistria)

Discussant: Roberto Spazzali (Deputazione di Storia Patria per la Venezia Giulia, Trieste)

18. Alla periferia del fascismo Coordinatori: Tommaso Baris (Università di Palermo) – Chiara Giorgi (Università di Bologna)

  1. Sguardi incrociati Giulia Albanese (Università di Padova)
  2. Periferie culturali? Le Società e le Deputazioni di storia patria tra resistenze e consenso (1922-1942) Margherita Angelini (Università di Siena)
  3. Esperienze locali e ridefinizione del fascismo Tommaso Baris (Università di Palermo)
  4. Le periferie dell’Oltremare Chiara Giorgi (Università di Bologna)

Discussant: Patrizia Dogliani (Università di Bologna)

19. L’internazionalismo statunitense nella prima metà del XX secolo: origini, attori e contraddizioni Coordinatori: Raffaella Baritono (Università di Bologna) – Mario Del Pero (Università di Bologna)

  1. L’Atlantismo nell’internazionalismo americano della prima metà del Novecento Emiliano Alessandri (Cambridge University)
  2. Woodrow Wilson e le matrici progressiste dell’internazionalismo statunitense Mario Del Pero (Università di Bologna)
  3. The “First Lady of the World”: democrazia e internazionalismo nell’impegno di Eleanor Roosevelt alle Nazioni Unite (1945-1952) Raffaella Baritono (Università di Bologna)
  4. Professionisti dell’internazionalismo. I welfare officers dell’Unrra nell’Europa del dopoguerra Silvia Salvatici (Università di Teramo)

Discussant: Elisabetta Vezzosi (Università di Trieste)

20. Potenze coloniali e nazionalismo nel Medio Oriente degli anni Trenta: il caso dei mandati anglo-francesi Coordinatori: Arturo Marzano (Università di Pisa) – Marcella Simoni (Università Ca’ Foscari, Venezia)

  1. Indipendenza, modernizzazione ed interessi economici nel Libano del Mandato: le mobilitazioni popolari degli anni Trenta nella stampa libanese francofona Massimo Di Ricco (Universitat Rovira i Virgili, Tarragona)
  2. Propaganda araba sotto il mandato francese in Siria: il Bureau National Arabe de Recherches et d’Informations (1934-1939) di Fakhri al-Barudi Pasquale Macaluso (Università di Palermo)
  3. Giovani e nazionalismo nella Palestina britannica (1922-1948) Marcella Simoni (Università Ca’ Foscari, Venezia)
  4. Propaganda coloniale in Medio Oriente: le esperienze di Radio Levant, Radio Daventry, e Radio “Grande Siria” Arturo Marzano (Università di Pisa)

Discussant: Paola Pizzo (Università di Chieti)

21. Lavoro, mobilità geografica e identità femminili nell’Italia del secondo dopoguerra Coordinatrice: Monica Pacini (Università di Firenze)

  1. Tra Italia e Jugoslavia: il lavoro nelle Manifatture Tabacchi per le istriane esuli e rimaste nei territori ceduti Gloria Nemec (Università di Trieste – Centro di ricerche storiche di Rovigno)
  2. Il lavoro delle donne in emigrazione e i mutamenti nella famiglia. Il caso di Torino tra anni Cinquanta e Settanta Anna Badino (Università di Torino)
  3. Donne al lavoro e famiglie in viaggio nella Terza Italia tra ricostruzione e “boom economico” Monica Pacini (Università di Firenze)

Discussant: Barbara Curli (Università della Calabria) – Vanessa Maher (Università di Verona)

22. Una modernizzazione a quattro ruote: automobili, società e ambiente nel Novecento Coordinatore: Federico Paolini (Università di Siena)

  1. Il traffico automobilistico come metafora sociale e politica: Italia, Francia e Usa (1920-1930) Massimo Moraglio (Università di Torino)
  2. Cars, Consumers, and Liberal Individualism: An American Dilemma Tom McCarthy (United States Naval Academy, Annapolis)
  3. Progettare la mobilità socialista: la funzione modernizzatrice dell’automobile in Cecoslovacchia tra mito nazionale e sistema sovietico (1948-1970) Valentina Fava (Technische Universiteit Eindhoven)
  4. Un’automobile più verde e sicura? Il ruolo della Comunità Economica Europea nella definizione degli standard europei. Contraddizioni politiche e motivazioni socio-economiche (1970-1992) Sigfrido Ramírez Pérez (Università Luigi Bocconi, Milano)

Discussant: Simone Neri Serneri (Università di Siena)

23. Manifestazioni di liberalismo nel Sud-Est europeo (XIX-XX secolo) Coordinatore: Armando Pitassio (Università di Perugia)

  1. Ştefan Zeletin e il neoliberalismo romeno Emanuela Costantini (Università di Perugia)
  2. L’evoluzione del panorama politico della Serbia alla metà del secolo: Vladimir Jovanović e i liberali Antonio D’Alessandri (Università di Roma Tre)
  3. Mehmed Džemaluddin Čauševć e la ricezione del modernismo islamico in Bosnia-Erzegovina Fabio Giomi (Università di Bologna)
  4. Josip Juraj Strossmayer: un’immagine di liberalismo in Croazia Monica Priante (Hrvatski Studiji – Studia croatica, Sveučilišta u Zagrebu)

Discussant: Giovanni Belardelli (Università di Perugia)

24. Occupazioni e presenze militari italiane nel primo dopoguerra Coordinatore: Raoul Pupo (Università di Trieste)

  1. Da Trento a Innsbruck: l’occupazione militare italiana di Trentino e Tirolo (1918-1920) Andrea Di Michele (Archivio provinciale di Bolzano)
  2. Lo scacchiere adriatico Angelo Visintin (IRSML Friuli Venezia Giulia, Trieste)
  3. Albania e Balcani Giovanni Villari (Università di Torino)
  4. Un’inutile e dispendiosa impresa: la spedizione militare italiana in Anatolia (1919-1922) Luca Micheletta (Università di Roma La Sapienza)

Discussant: Giulia Caccamo (Università di Trieste)

h. 11.30-13.30

Seminario pubblico: Spazi di lavoro e di vita nella Venezia Giulia del Novecento Coordinatore: Giulio Mellinato (Università di Milano-Bicocca)

  1. Spazi della produzione e del lavoro nel Novecento giuliano Giulio Mellinato (Università di Milano-Bicocca)
  2. Spazi della socialità e dell’identità in due città di confine Alessandra Marin (Università di Trieste)
  3. Gli spazi della regione e le logiche nella mobilità dei confini Dragan Umek (Università di Trieste)
  4. Lo sguardo dell’altro: la Venezia Giulia vista dall’esterno Gianluca Volpi (Università di Udine)

Discussant: Tommaso Detti (Università di Siena)

h. 13.30 Saluti finali

CONTATTI:

Segreteria
Annalisa Di Fant – DISSA adifant@units.it +39 040 558 7518 +39 338 7655294 Marco Rovinello – SISSCo segreteria@sissco.it
Ufficio stampa Roberto Toffolutti – Università di Trieste Roberto.Toffolutti@amm.units.it +39 040 558 3035 +39 334 6634797
Si ringrazia per la collaborazione Federalberghi Trieste
Mappa navigabile http://maps.google.it/maps/ms?hl=it&ie=UTF8&msa=0&msid=107868704791144729197.00046a70bf4b78defa896&z=15