SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Attività

Crisi? Gli anni Settanta e le loro fratture, 1968-1981

Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea, SISSCo

Dipartimento di Discipline Storiche, Università di Bologna

Dipartimento di Politica, Istituzioni, Storia, Università di Bologna

 

 

Seminario nazionale sulla

storia italiana del secondo dopoguerra

1943-1994

 

con il sostegno della Fondazione Carisbo, Bologna

 

1° Incontro, Bologna, giovedì 11-venerdì 12 giugno 2009

Sala dei Poeti, Facoltà di Scienze politiche, Strada maggiore 45

 

Crisi? Gli anni Settanta e le loro fratture,

1968-1981

 

 

NB –Tutti i relatori sono invitati a inviare entro il 15 maggio un summary di 4-5 pp del loro intervento, con i punti principali delle loro tesi

 

I. Giovedì 11 giugno, ore 14:15-19:15

 

·        A. Graziosi, Presidente Sissco, I perché e il senso dell’impegno della Sissco

·        Relazioni introduttive14:30-15:30

·        A. de Bernardi, Bologna, I nodi della riflessione storiografica

·        Maria Serena Piretti, Bologna, Le ricerche in corso

 

 

1° Panel (15:30-19:00)

Interventi di:

·        Gianpiero Dalla Zuanna, Padova (sulla prospettiva dei demografi)

·        Pierluigi Ciocca, Roma (sulla prospettiva degli economisti)

 

Break, 16:15-16:30

 

·        Marzio Barbagli, Bologna (sulla prospettiva dei sociologi)

·        Giacinto Della Cananea, Napoli (sulla prospettiva degli studiosi dello stato)

·        Elda Guerra, Società Italiana delle Storiche (sulla prospettiva degli studi di genere)

 

Discussants, 17:30-18:15:

Mariuccia Salvati (Bologna), Giovanni Federico (IUE), Barbara Curli (Università della Calabria)

 

Dibattito, 18:15-19:00

II. Venerdì 12 giugno

 

Questioni da porre a relatori e discussants:

 

1. Come hanno interpretato il periodo nei loro libri e su come lo interpreterebbero oggi, sottolineando i mutamenti di prospettiva e le linee di ricerca che oggi gli appaiono più interessanti.

 

2. Come legherebbero questo periodo al precedente e al successivo (da Craxi a Berlusconi)?

 

3. Problema settentrionale e problema meridionale –o piuttosto la crescita della differenziazione regionale: è possibile parlare di progressiva disarticolazione del tessuto sociale e economico “nazionale”?

 

4. Partiti e gruppi intellettuali (élites?) di fronte alla crisi –che maturità, o immaturità, di analisi? Che visioni? Che rapporto tra queste visioni di allora e l’evoluzione della realtà come ci appare oggi?

 

5. Quali sono secondo loro i problemi più rilevanti e le direttrici di ricerca più promettenti e/o meno esplorate?

 

6. Quali invece le “false piste”?

 

2° Panel, ore 9:30-13:00

 

Relazioni, 9:30-11:00:

Piero Craveri (Suor Orsola), Salvatore Lupo (Palermo), Andrea Riccardi (RomaTre)

Break, 11:00-11:20

 

Discussants, 11:20-12:10: Paolo Pombeni (Bologna), Maurizio Ridolfi (Viterbo), Giovanni Sabbatucci (Roma)

Dibattito, 12:10-13:00

 

3° Panel, ore 14:30-18:00

Relazioni, 14:30-16:00: Guido Crainz (Teramo), Agostino Giovagnoli (Cattolica, Milano), Silvio Lanaro (Padova)

Break, 16:00-16:15

Discussants, 16:15-17:00:, Paolo Macry (Napoli), Paolo Pezzino (Pisa), Renato Moro (Roma3)

Dibattito, 17:00-18:00