SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Pubblicazioni

Dibattito III

Quaderni I/2001
SEGRETI PERSONALI E SEGRETI DI STATO.
Privacy, archivi e ricerca storica

a cura di Carlo Spagnolo
Parte I
Privacy e codice deontologico

Pavone: Una domanda da studente di giurisprudenza: un testo unico può modificare delle leggi sostanziali? Mi aspetterei di no.
Carucci: Prima della risposta vorrei aggiungere un’osservazione, perché il testo unico sui beni culturali – a parte che secondo me non poteva modificare nella sostanza la legislazione esistente perché aveva dei limiti giuridici – poteva includere norme fino ad una certa data, se non sbaglio fino a sei mesi dopo la legge istitutiva (l. 352, 8 ottobre 1997). Allora il decreto legislativo 281 – che è del 30 luglio 1999 – è fuori dai limiti del testo unico ma ha modificato l’articolo 21 della legge sugli archivi del 1963 prima che lo facesse il testo unico (29 ottobre 1999). Secondo me, quindi, è illegittimo tutto il testo unico. Credo che si debba tenere conto di questi tempi, il testo unico non aveva il potere di modificare il decreto legislativo 281.
Rodotà : Io la risposta la do nel senso di quelli che invece di sciogliere il nodo dicono lo tagliamo! Se, come speriamo, ci sarà il rinnovo della delega, probabilmente dovremo affrontare la questione riordinando la materia attraverso un decreto legislativo. Non credo che ci siano altri modi, perché altrimenti si creerebbero pasticci. Ringrazio Isabella Zanni Rosiello per aver sollevato il problema.