SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Dossier

Criteri generali per la riorganizzazione dei curricoli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

Commissione di studio per il programma di riordino dei cicli di istruzione

(L. n. 30 del 10/02/2000)

Sintesi

dei Gruppi di lavoro

Roma, 12 settembre 2000

 

Gruppo di lavoro n. 7

Coordinatore: prof. Dario Antiseri

Criteri generali per la riorganizzazione dei curricoli con attenzione agli snodi e alle articolazioni

CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE

1. Caratteri generali dei curricoli. Penso che la Commissione abbia messo bene in luce i caratteri generali dei curricoli (essenzialità, flessibilità, modularità, rivedibilità, significatività, ecc.). E sono dell’avviso che sia estremamente importante avere insistito da parte di tutti i Colleghi sulla criticità, sulla problematicità e sulla storicizzazione di quelli che saranno i contenuti dei curricoli. Si tratta di elementi basilari funzionali alla costruzione di menti critiche.
2. Formazione professionale. L’attenzione portata alla formazione professionale da intendere come formazione culturalmente elevata, sia dal punto di vista della formazione di un cittadino responsabile che dal punto di vista teorico, costituisce un punto di forza della proposta della Commissione. Nulla vi è di più pratico di una buona teoria. In un mondo del lavoro sottoposto a continui cambiamenti dovranno uscire dalla scuola giovani attrezzati di un patrimonio teorico tale da porli in grado di affrontare e padroneggiare situazioni che altrimenti li emarginerebbero dal mondo del lavoro.
3. Criteri per la riduzione degli indirizzi. Tra i criteri per la riduzione degli indirizzi mi paiono funzionali sia l’attenzione alle proposte di riforma dell’Università sia l’attenzione ai mutamenti che senza sosta si verificano nell’ambito delle professioni e dei mestieri.
4. Quota nazionale e quota locale. Perché non venga vanificato quello che è un elemento caratterizzante della riforma, vale a dire l’autonomia scolastica, mi sento d’accordo con quanti sostengono che la quota locale sia piuttosto cospicua. Una posizione del genere da una parte introduce qualche salutare elemento di competizione nel sistema scolastico italiano, dall’altra sta a significare rispetto non solo dei ragazzi e delle famiglie, ma anche delle capacità di proposta e di innovazione dei docenti operanti nelle diverse Unità Scolastiche.
5. Passato, presente…e futuro. Le proposte di riforma non possono non tenere conto di quanto di positivo esiste già nella nostra scuola. Così, per esempio, i tanti problemi presenti del riordino della scuola elementare e di quella media nella scuola di base possono trovare punti di riferimento in quelli che sono risultati positivi dell’esperienza degli Istituti comprensivi.
6. Monte ore annuale. La questione del monte ora annuale dovrebbe, a mio avviso, venire affrontata anche con uno sguardo alla situazione degli altri Paesi europei. Da “Eurydice” – carico annuale in ore: Belgio 849; Danimarca 600; Germania 564; Grecia 603; Spagna 875; Francia 936; Irlanda 674; Lussemburgo 936; Olanda 880; Portogallo 920; Gran Bretagna 768; Italia 1080.
7. La questione delle competenze. Un sostanziale (pur se non completo) accordo si è registrato nel gruppo circa la definizione dell’idea di competenza. Posizioni diverse si sono invece registrate circa il rapporto tra obiettivi e competenze e circa la questione se spetti al centro o alle singole scuole certificare le competenze.
8. Le diverse posizioni su questa come su altre questioni, puntualmente registrate e riportate sia nelle Sintesi dei Gruppi 7a, 7b e 7c che nella documentazione, possono costituire preziosi indicazioni per il Ministro e per il Gruppo di coordinamento incaricato di stendere le relazioni finali.
9. Il lavoro dei tre sottogruppi, come mostra la mole della documentazione del Forum, è stato estremamente impegnativo e condotto con la più grande serietà sia via Internet che nel corso delle discussioni che si sono avute nelle purtroppo non numerose riunioni.
10. Quale coordinatore del Gruppo 7 ringrazio tutti i Colleghi e ringrazio in special modo i coordinatori Mario Maviglia, Alberto Alberti e Mario Ambel e i moderatori Italo Fiorin, Carlo Petracca e Chiara Croce.