SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Dossier

Mozione 9 novembre 2000

Consiglio Regionale del Lazio

Oggetto: Istituzione Commissione di esperti sui testi scolastici
PREMESSO
che la scuola pubblica è un’istituzione costituzionalmente pluralista e che da essa dipende la formazione delle future generazioni e lo sviluppo di quelle capacità critica che rappresenta un fondamentale elemento di crescita individuale e collettiva;
che molti dei testi adottati nelle scuole superiori, in particolare quelli che trattano di storia, raccontano i trascorsi della nostra Nazione mistificandone intere pagine e omettendo di scriverne altre, dando l’impressione di voler far prevalere una sorta di “verità di Stato” troppo spesso incompatibile con la realtà;
CONSIDERATO
che la faziosità riscontrata in alcuni storiografi, oltre ad essere culturalmente pericolosa, alimenta in modo artificiale uno scontro generazionale che dura ormai da troppi anni e impedisce la ricostruzione di un’identità nazionale comune a tutti i cittadini italiani e l’affermarsi di un sentimento di autentica pacificazione nazionale;
che l’organizzazione”Azione Studentesca”, nella sua attività di tutela del diritto allo studio, ha recentemente pubblicato un opuscolo che riporta molte delle falsità raccontate dagli autori dei testi in questione – diffuse anche da testate giornalistiche e televisive nazionali – denunciando le responsabilità di autori, docenti, case editrici e Ministero della Pubblica Istruzione;
che in Italia non vi sono organi preposti al controllo e alla verifica dei contenuti di tali testi che vengono valutati unilateralmente dai singoli docenti, senza che studenti, intellettuali, famiglie e soggetti pubblici possano contribuire a tale giudizio;
IL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO
IMPEGNA IL PRESIDENTE DELLA REGIONE E GLI ASSESSORI COMPETENTI:
· a istituire una Commissione di esperti che svolga un’analisi attenta dei testi scolastici evidenziandone carenze o ricostruzioni arbitrarie, da diffondere all’intero territorio regionale;
· a studiare forme di incentivazione per autori che intendessero elaborare nuovi libri di testo e/o sussidiari monotematici da immettere nel circuito dell’istruzione pubblica e/o da distribuire gratuitamente alle famiglie, prevedendo anche l’approfondimento dalle origini storico-culturali della Regione Lazio, delle sue Province e delle sue città con lo scopo di radicare una specifica conoscenza e un conseguente senso di appartenenza.
On. Fabio Rampelli e altri