SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Attività

Il PREMIO ANCI-STORIA 2007

Il Premio Anci Storia 2007 è stato conferito il 19 settembre 2007, in occasione dei “Cantieri di storia”, dal Sindaco di Marsala Avv. Lorenzo Carini, alla presenza del rappresentante dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani Dr. Nicola Cirimele. Questa la relazione della Commissione giudicatrice:

La Commissione – composta da Elisabetta Colombo, Rosario Lentini, Umberto Levra, Pierre-Yves Saunier e presieduta da Fabio Rugge – ha preso in esame un’ampia selezione di opere rispondenti ai criteri per la candidatura al Premio Anci Storia. Ha così potuto rilevare come la storia delle città e dei territori, nelle sue varie declinazioni, costituisca oramai una componente estesa e qualificata della produzione storiografica.
In essa si ritrovano metodologie ed interessi di ricerca diversi, accomunati dalla scelta di ricostruire e narrare la storia del Paese a partire dalle sue determinanti locali, superando e scomponendo i quadri di sintesi e qualche generalizzazione. Da queste indagini scaturiscono peraltro spunti vivaci ed efficaci per rivisitare le figurazioni storiografiche più ampie e consolidate. È rimarchevole inoltre come tali ambiti di ricerca registrino un forte, proficuo impegno degli studiosi più giovani.
Dopo avere composto una breve lista di libri di particolare qualità, la Commissione, a seguito di un puntuale confronto, ha ritenuto all’unanimità di individuare un’opera vincitrice e due opere meritevoli di segnalazione.
Si segnalano i volumi di:

Teresa Bertilotti, Maestre a Lucca. Comuni e scuola pubblica nell’Italia liberale, Brescia, Editrice La Scuola

Il libro dimostra spiccata originalità rispetto a una ormai consolidata tradizione di studi sulla scuola nell’Italia liberale. Con un ottimo incrocio tra storia sociale e storia istituzionale e con buona padronanza di molteplici fonti, l’autrice indaga la peculiarità del caso di Lucca attraverso l’angolo visuale del rapporto tra l’unificazione amministrativa, le resistenze ad essa opposte dalla dimensione locale e notabilare, e la costruzione della figura professionale della maestra.

Monica Sinatra, La Garbatella a Roma 1920-1940, Milano, Franco Angeli

Questo ritratto di una realtà urbana è realizzato attraverso un’indagine rigorosa e approfondita, che dalla dimensione spaziale si sposta al tessuto sociale e culturale. Uno scavo attento alle fonti (anche a quelle orali), consente di ricostruire la complessità del processo di trasformazione del quartiere, nel quale si riverberano in maniera quasi molecolare le vicende del Paese. Un esempio particolarmente interessante e ben riuscito di storia locale.

Si dichiara vincitore del Premio Anci Storia il volume di:

Francesco Bartolini, Rivali d’Italia. Roma e Milano dal Settecento a oggi, Roma-Bari, Laterza

L’autore ha individuato un argomento bello, stimolante, attuale, utile a segnalare e a confermare l’importanza della riflessione storiografica nel dibattito pubblico. Più volte emerso nella storiografia, il tema della rivalità tra due ‘capitali’, Roma e Milano, non è mai stato infatti convenientemente sviluppato, tanto meno su un arco cronologico così ampio. Del resto, è proprio questa campata lunga dell’analisi ad attribuirle forza e credibilità, in un terreno insidiosissimo a causa del gioco degli stereotipi e dei pregiudizi. La questione Roma-Milano richiama peraltro analogie europee ed extra-europee (Parigi-Lione, Washington-New York, Pechino-Shangai), sicché il volume offre ulteriori spunti di riflessione storiografica e culturale. Il lavoro si avvale di una letteratura molto ampia, disseminata in campi diversi (dagli atti parlamentari alla pubblicistica coeva di vario rango e registro), riconducendola con maestria ad una linea interpretativa e narrativa unitaria, persuasiva e brillante.