SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Dossier

Saija 2000

Area 14 – Scienze politiche e sociali

MINISTERO DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA PROGRAMMI DI RICERCA ANNO 2000 COMPITI E SUDDIVISIONE DELLE UNITÀ DI RICERCA Dipartimento Affari Economici


       
Coordinatore     MARCELLO SAIJA
Titolo della Ricerca     IL FASCISMO E LE COMUNITà ITALIANE NELLE AMERICHE. UNO STUDIO SU NAZIONALISMO E IDENTITà NAZIONALE.
Finanziamento assegnato     85 , Euro 43898
Rd+Ra     60 , Euro 30987 (dichiarata all’atto della domanda)   
Durata     24 mesi
 Obiettivo della Ricerca

La ricerca intende portare un contributo al dibattito sulla genesi e sul ruolo del nazionalismo e del fascismo nei paesi che ospitano le comunità italiane di emigrati negli anni Venti e Trenta, tentando di colmare le ampie lacune esistenti negli studi sull’America del Nord e favorendo la nascita di questo tipo di indagine per i paesi dell’America Latina. Particolare attenzione verrà dedicata al ruolo che il nazionalismo prima e il fascismo poi hanno nella creazione di un’identità culturale nelle comunità di immigrati italiani.
La ricerca, in particolare, analizzando le variabili della cultura d’origine e di quella dei paesi ospitanti che influiscono sulla formazione dell’ "identità", tenterà di cogliere taluni aspetti peculiari di quella che oggi è l’ "identità" degli italiani d’America e dei paesi latino americani oggetto dell’indagine.
In questo quadro, le unità di ricerca affronteranno, con differenti approcci metodologici, i seguenti temi:
1)Fascismo e antifascismo nelle Americhe. Gli esuli. La creazione dei Fasci italiani all’estero. La stampa etnica. Le associazioni etniche.
2)Il ruolo dei governi e del corpo diplomatico e consolare italiano nei paesi di destinazione dei flussi migratori.
3)Intellettuali e cultura. Scambi culturali tra l’Italia e le Americhe. Istituzioni scientifiche. Riviste.
4)Industria e commercio. Gli imprenditori di origine italiana. Il commercio estero ed il problema delle sanzioni. Le rimesse.
Ogni unità di ricerca privilegierà l’indagine relativa ad un singolo paese e precisamente: Stati Uniti(Stato di New York), Argentina e Brasile.
Si tratta dei paesi in cui sono presenti le comunità italiane più ampie.
Verrà raccolta una documentazione in Italia ed all’estero finalizzata a:
1)Stesura di monografie;
2)Confronto dei risultati raggiunti dalle singole unità di ricerca ai fini di un’analisi comparata del fenomeno. Tale confronto avverrà nel quadro di seminari e di un convegno finale cui verranno invitati studiosi italiani e stranieri;
3)Il potenziamento del Museo dell’emigrazione esistente nell’isola di Salina e la formazione di un Archivio dell’emigrazione transoceanica, capace di fornire agli specialisti una base per future ricerche e, contemporaneamente, fornire ad un pubblico più vasto (studenti e docenti della scuola) materiali di studio.

Innovazione rispetto allo stato dell’arte nel campo

1) Completare le ricerche sul rapporto tra nazionalismo ed emigrazione. In particolare sul patriottismo degli immigrati nelle Americhe, sul rapporto tra le collettività italiane d’oltre oceano e i movimenti nazionalisti in Italia, sul ruolo delle istituzioni in patria e nei Paesi di destinazione dei flussi (governi, autorità diplomatiche e consolari, ecc.);
2) Per l’America del Nord, colmare le lacune nel settore di ricerca indicato sopra soprattutto per gli anni ’30 del Novecento, non solo riguardo all’attività organizzativa dei fascisti ma anche in relazione alla reale influenza ideologica e politica che il fascismo esercita sui gruppi italofoni.
Per quel che riguarda l’Argentina, completare le indagini non solo per quel che attiene ai rapporti tra fascismo, corpo diplomatico e consolare e società argentina ma anche in tema di relazioni commerciali e finanziarie. Saranno privilegiati, oltre che gli aspetti storico – politici, anche quelli letterari e culturali. La prospettiva è quella di indagare come le forme di nazionalismo argentino finiscano per agevolare la penetrazione del fascismo e come il fascismo diventi un ulteriore supporto alla creazione di una identità italo – argentina.
Per quel che riguarda la vicenda brasiliana, si intende completare gli studi sulla fase dell’emigrazione peninsulare di massa compresa tra il 1880 e il 1920, ma soprattutto indagare il fenomeno nel corso del ventennio fascista, esaminando in particolare la diffusione del fascismo nel Paese, i rapporti fra autorità italiane, autorità brasiliane e partito fascista locale e l’impatto che il regime ebbe sulle comunità immigrate. Nel complesso la ricerca intende innovare in modo organico e comparato rispetto alle conoscenze già acquisite in tema di rapporto fra fascismo e comunità di immigrati, utilizzando gli strumenti di un’indagine multidisciplinare che coinvolge storici delle istituzioni, storici politici ed economici dei Paesi americani e storici della letteratura.

Criteri di verificabilità

1) Realizzazzione di una banca dati.

2) Deposito dei 600 questionari somministrati nello Stato di New York presso il Museo dell’emigrazione dell’Isola di Salina.

3) Rapporti di ricerca intermedi presentati in un convegno internazionale di studi realizzato nell’Isola di Salina.

4) Pubblicazioni a stampa.

Unità di Ricerca

1]  Unità di       Università degli Studi di MESSINA
     Responsabile Marcello SAIJA
     Rd+Ra      M£ 30 , Euro 15493 (dichiarata all’atto della domanda)
     Finanziamento   M£ 45 , Euro 23240
 
     Compito
     

Schedatura delle fonti presso l’Archivio Centrale dello Stato e presso l’Archivio storico del Ministero degli Esteri.
Elaborazione e Verifica del questionario
Schedatura delle fonti in archivi pubblici e privati dello Stato di New York (Centro operativo della ricerca – Center for italian studies di Stony Brook SUNY)
Somministrazione del Questionario (600 interviste) nello Stato di New York (Centro operativo della ricerca – Center for italia studies di Stony Brook SUNY)

2]  Unità di       Università degli Studi di NAPOLI "L’Orientale"
     Responsabile Angelo TRENTO
     Rd+Ra      M£ 4 , Euro 2065 (dichiarata all’atto della domanda)
     Finanziamento   M£ 4 , Euro 2065
 
     Compito
     

Sul piano operativo si ricorrerà alla documentazione d’archivio (soprattutto dell’Archivio Centrale dello Stato e dell’Archivio Storico del Ministero degli Affari Esteri in Italia e dell’Archivo do Itamarati e dell’Arquivo do DOPS in Brasile), alla produzione storiografica, alla pubblicistica dell’epoca e alla stampa etnica rintracciabile in Brasile (Sao Paulo e Rio de Janeiro), a Parigi e a Nanterre, ad Amsterdam, nonché, in misura limitata, a Milano.

3]  Unità di       Università degli Studi ROMA TRE
     Responsabile Giovanni BLENGINO
     Rd+Ra      M£ 4 , Euro 2065 (dichiarata all’atto della domanda)
     Finanziamento   M£ 4 , Euro 2065
 
     Compito
     

L’Unità ricerca focalizzerà l’analisi dei rapporti fra nazionalismo argentino e ricezione del fascismo ricorrendo, sul piano operativo, alla narrativa argentina, alle corrispondenze di giornalisti e intellettuali italiani presenti in Argentina durante il periodo fascista, alla saggistica e pubblicistica dell’epoca e alla stampa etnica individuabile in biblioteche italiane e argentine.

4]  Unità di       Università degli Studi di BOLOGNA
     Responsabile Eugenia SCARZANELLA
     Rd+Ra      M£ 22 , Euro 11362 (dichiarata all’atto della domanda)
     Finanziamento   M£ 32 , Euro 16526
 
     Compito
     

Compito dell’unità sarà quello di raccogliere la documentazione relativa al ruolo degli industriali italiani nello sviluppo del nazionalismo economico argentino e contemporaneamente nella strategia di espansione commerciale, finanziaria e politica del fascismo oltreoceano. Nello specifico la ricerca bibliografica verrà effettuata a Roma presso l’Archivio Centrale di Stato e presso l’Archivio Storico del Ministero degli Affari Esteri, e in Argentina presso la Biblioteca Nacional di Buenos Aires, nell’Archivo General de la Nacion e in archivi privati.