SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Attività

call for papers

Dipartimento Studi Internazionali Società Italiana delle Storiche
Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea
Giunta Centrale per gli Studi Storici
Call for papers
Una nuova storia politica?
Il genere nella ricerca

Roma, 12-13 novembre 2009
Facoltà di Scienze politiche
Via R. Chiabrera 199

L’integrazione della storia delle donne e di genere nel corpus della storiografia italiana è oramai un dato di fatto e un numero crescente di studiosi/e assume i rapporti di genere come elemento significativo dei processi storici. Come è noto, in Italia questo campo di ricerca si è sviluppato a partire dalla storia politica con l’iniziale obiettivo di ricostruire le pratiche e lo sviluppo dei movimenti di emancipazione, la partecipazione ai partiti e ai sindacati, le forme del protagonismo femminile nell’età contemporanea.

Successivamente, di fronte all’inevitabile esaurirsi delle ricerche legate alla valorizzazione delle militanze particolari, altre tematiche sono state affrontate grazie a un continuo scambio con gli studi più innovativi: pensiamo ad esempio ai processi di nazionalizzazione, alla formazione delle identità, alle rappresentazioni, alle professioni cosiddette borghesi, e soprattutto al grande tema della cittadinanza che – usato per rileggere il periodo liberale come il fascismo e l’età repubblicana – si è rivelato singolarmente ricco e fruttuoso, anche al di là degli anniversari che hanno inteso celebrare il riconoscimento dei diritti politici alle donne.

Il nuovo interesse intorno a questioni come la formazione delle classi dirigenti, il funzionamento delle strutture degli organi parlamentari e burocratico-istituzionali, i sistemi e i meccanismi elettorali hanno riguardato molto la ricerca storica, ma meno gli studi delle donne e di genere, nonostante l’innegabile contributo che da essi potrebbe venire al superamento degli steccati che hanno spesso separato la storia politica e la storia sociale, la dimensione “oggettivizzante” della prima dall’attenzione ai soggetti (individuali e collettivi) della seconda.
A questi ambiti, dagli anni Novanta, si sono aggiunti quelli sulla sacralizzazione della politica col suo corredo di riti, simboli, miti e luoghi della memoria, vale a dire sull’immaginario politico. La nuova storia politica, più antropologica e culturale che sociologica, si è attardata sulle culture politiche diffuse, sulle religioni civili, sull’opinione pubblica, sulle mentalità collettive e sulle generazioni, leggendo l’organizzazione e la cultura politica come un tutt’uno: ma anche in questo caso, le suggestioni e le potenzialità offerte dalla storia delle donne e dagli studi di genere sono rimaste in larga parte inutilizzate.
In ogni caso, sembra evidente, ed è da più parti avvertita, l’esigenza non solo di compiere un bilancio dei risultati ottenuti e delle tendenze in atto, ma di capire quali temi e perché sono stati più frequentati dagli studiosi e dalle studiose, se c’è stato un ritardo nel comprendere le novità che poco alla volta sono emerse o se, per restare nell’ambito degli studi di storia delle donne e di genere, determinate suggestioni e indicazioni sono sembrate meno interessanti o più difficili da praticare.
È per avviare una riflessione su questi vari aspetti del problema che si è pensato di organizzare a Roma il convegno Una nuova storia politica? Il genere nella ricerca per i giorni 12-13 novembre 2009 presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università degli studi Roma Tre (vedi programma provvisorio allegato).
L’idea è quella di creare un confronto tra generazioni diverse di storici/e attraverso relazioni introduttive svolte da “senior”, la presentazione di due ricerche originali svolte da giovani studiosi/e e la presenza di discussant di generazioni “senior” e intermedie.
Il programma troverà quindi una sua definizione ultima attraverso questo call for papers tra giovani studiosi/e membri della Società italiana delle storiche e della Società per lo studio della storia contemporanea.
Le proposte di paper – una sintesi di 4.000 battute con l’indicazione della sessione in cui si desidera svolgere la presentazione e in oggetto “Convegno Una nuova storia politica?”, con allegato il proprio curriculum – dovranno pervenire entro e non oltre il 30 luglio 2009 all’indirizzo mail: segreteria@societadellestoriche.it.  
Il Comitato Scientifico – composto da Stefania Bartoloni (Società Italiana delle Storiche), Marco De Nicolò (Società Italiana per lo Studio della Storia contemporanea), Renato Moro (Dipartimento di Studi internazionali), Paolo Prodi (Giunta Centrale per gli Studi storici), Elisabetta Vezzosi (Società Italiana delle Storiche), -vaglierà e selezionerà le proposte entro il 15 luglio 2009.
I testi delle relazioni – ca. 20.000 battute – dovranno pervenire alla segreteria del Congresso, che le invierà ai discussant, entro e non oltre l’15 ottobre 2009.
In attesa delle vostre proposte, che speriamo numerose, vi porgiamo i più cordiali saluti.

Il Comitato Scientifico