SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Caricamento Eventi

Eventi

18/11/2015 - 19/11/2015

La storia, la memoria, la giustizia tra guerra e dopoguerra. Il caso del Friuli e della Venezia Giulia

 

L’obiettivo del seminario di studi è quello di offrire un aggiornamento sullo stato delle ricerche svolte in regione nell’ambito del progetto “Per un atlante delle stragi nazifasciste in Italia”, promosso dall’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia (INSMLI), dall’Associazione nazionale partigiani italiani (ANPI) e finanziato dal governo della Repubblica Federale Tedesca. Tale progetto si inserisce nell’ambito dei percorsi di ricerca attivati dagli Atenei del Friuli Venezia Giulia sul tema più generale della “transizione” fra guerra e dopoguerra nell’area adriatica. La schedatura degli episodi avvenuti in regione ha consentito l’avvio di un ricco filone di ricerca che ha permesso per la prima volta di affrontare le dinamiche repressive poste in essere durante il periodo dell’occupazione, offrendo un quadro più organico e preciso rispetto a precedenti esperienze di ricerca.

La creazione della Zona d’Operazioni Litorale Adriatico, in un’area segnata da forti conflitti nazionali, rende il Friuli Venezia Giulia un caso esemplare per capire come si costruirono le strategie di controllo ed esercizio della violenza sia verso le formazioni partigiane sia verso i civili. Si tratta di elementi utili anche per un’analisi di contesti geopolitici più ampi. Il fitto intreccio di problematiche emerse durante il conflitto permette, inoltre, di guardare con maggiore consapevolezza alla transizione post-bellica. Le carte delle Corti Straordinarie d’Assise (CAS) sono una lente attraverso la quale leggere, con attenzione critica, gli episodi di brutalità, di complicità e di collaborazionismo. Se poi la stessa lente viene orientata verso le vittime elencate in sede processuale, affiorano episodi, nomi e volti sconosciuti di una resistenza non militarizzata, ma ben viva nel territorio regionale. La brutalizzazione del clima generale incide poi pesantemente sul complicato “dopoguerra di confine” nell’area orientale del Paese.

Con il contributo della

Presidenza del Consiglio dei Ministri

LUOGO
Salone del Tiepolo di Palazzo Caiselli (Udine, vicolo Florio 2) e Sala “Tiziano Tessitori” (Trieste, piazza Oberdan 5)
Udine e Trieste
Italia

CONTATTI
Anna Maria Vinci e Roberto Spazzali
Telefono: 040.44004
E-mail: direttore@irsml.eu


ALLEGATO
Scarica

Pubblicato da Diego D'AMELIO