SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Caricamento Eventi

Eventi

12/03/2015 - 12/03/2015

L'Italia del divorzio, 1946-1974: la battaglia fra Stato, Chiesa e gente comune

Giovedì 12 marzo 2015, ore 17.00, presso la Biblioteca di storia moderna e contemporanea (Palazzo Mattei di Giove - Via Michelangelo Caetani 32, Roma), verrà presentato il volume L’Italia del divorzio. La battaglia fra Stato, Chiesa e gente comune 1946-1974 di Fiamma Lussana, Carocci, 2014. Intervengono: Guido Crainz, Patrizia Gabrielli, Alexander Höbel. Coordina: Francesco Barbagallo.Famiglia e indissolubilità del matrimonio sono al centro del dibattito che inizia, all’indomani della Seconda guerra mondiale, nell’Assemblea Costituente. Si riaccende in quella sede il duro scontro sul divorzio che già nell’Italia postunitaria, fuori e dentro il Parlamento, aveva contrapposto progressisti e conservatori. L’urto sul divorzio è il drammatico specchio delle contraddizioni della politica e del bisogno di cambiamento della società italiana. Dopo la proposta di legge presentata dal socialista Fortuna a metà degli anni Sessanta, la contesa fra divorzisti e antidivorzisti è destinata a dividere il paese diventando un’aspra disputa fra oscurantismo e modernità. Basandosi su fonti archivistiche inedite, come le migliaia di lettere e cartoline dei “fuorilegge del matrimonio” inviate a Loris Fortuna per sostenere il suo progetto di legge, la crociata del divorzio viene qui indagata assumendo per la prima volta anche l’angolo visuale della gente comune. Quella del divorzio è infatti una battaglia esplosiva che si innesta su una sofferenza sociale diffusa: oltre ai maggiori partiti politici e ai vertici della Chiesa, impegnati, ciascuno a suo modo, a difendere la propria egemonia, entrano in campo con forza inaspettata anche le persone.Fiamma Lussana insegna Storia contemporanea all’Università di Sassari, È membro del Comitato scientifico della Fondazione Istituto Gramsci di Roma e della rivista “Studi Storici”. Alla storia delle donne ha dedicato diversi studi tra cui Le donne e la modernizzazione: il neofemminismo degli anni settanta, apparso nella Storia dell’Italia repubblicana einaudiana. Con le Edizioni dell’Orso ha pubblicato nel 2002 l’Unità 1924-1939: un giornale “nazionale” e “popolare”. Con Carocci ha pubblicato nel 2000 Il "Lavoro Culturale" (con Albertina Vittoria), nel 2007 In Russia prima del Gulag. Emigrati italiani a scuola di comunismo, nel 2012 Il movimento femminista in Italia. Esperienze, storie, memorie.Francesco Barbagallo insegna Storia Contemporanea al Dipartimento di Discipline Storiche dell'Università di Napoli Federico II e dirige la rivista “Studi Storici”. Guido Crainz, storico, è opinionista del quotidiano «la Repubblica».Patrizia Gabrielli insegna Storia contemporanea e Storia di Genere presso l’Università di Siena (Facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo).Alexander Höbel, dottore di ricerca in Storia presso l'Università Federico II di Napoli, è borsista della Fondazione Luigi Longo.

LUOGO
Biblioteca di storia moderna e contemporanea
Via Michelangelo Caetani, 32
00186 Roma
Italia

CONTATTI
Gisella Bochicchio
Telefono: 0668281735
E-mail: b-stmo.info@beniculturali.it

SITO WEB
www.bsmc.it

Pubblicato da Rosanna DE LONGIS