SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Il Corno d’Africa. Eritrea, Etiopia, Somalia

Matteo Guglielmo

Bologna, il Mulino, 192 pp., € 13,00 2013

La traiettoria dello Stato postcoloniale nel Corno d’Africa è stata caratterizzata da una serie di guerre tra Stati in una regione che per questo motivo presenta un carattere di eccezionalità rispetto a un panorama continentale dove più spesso le guerre hanno avuto una dimensione interna agli Stati. «Conflitto e confine» (p. 155) sono due categorie intorno alle quali è andato prendendo corpo quel processo di regionalizzazione del conflitto combattuto a più livelli tra attori globali, regionali e locali. In un quadro d’insieme che guarda al piccolo Corno d’Africa, lasciando sullo sfondo il più grande Corno dove insieme a Eritrea, Etiopia e Somalia stanno anche il Kenya e il Sudan (dal 2011 Sudan e Sud Sudan), il volume si concentra su una lettura che interroga il contesto regionale dall’angolo visuale privilegiato della Somalia. Il collasso della Repubblica somala nel 1991 e la progressiva scomposizione del suo spazio attraverso una conflittualità, che a partire dalle differenti fazioni in lotta per il controllo di Mogadiscio ha prodotto nel tempo una moltiplicazione delle Somalie con la nascita o rinascita del Somaliland e del Puntland, si intrecciano con le differenti logiche del conflitto eritreo-etiopico. Attraverso gli strumenti analitici della scienza politica e della storia delle relazioni internazionali, la «rivoluzione degli anni Novanta» e la «guerra al terrore» degli anni 2000 sono collocati in una più lunga prospettiva storica. La premessa relativa alla liquidazione del sistema coloniale italiano nel secondo dopoguerra e alla nascita di un nuovo ciclo statuale aiuta l’a. ad analizzare la conflittualità odierna e i suoi attori prima di tutto e in modo apprezzabile come il portato di una storia somala, eritrea ed etiopica «non finalizzata a un forzato collocamento in un’agenda globale» (p. 122). Nel Sud del paese è specialmente l’Islam a costituire secondo diverse declinazioni politiche il filo rosso per comprendere le dinamiche di riorganizzazione e riaggregazione istituzionale e sociale lungo una parabola di progressiva radicalizzazione. Se in una prima fase il movimento dell’Unione delle Corti Islamiche riuscì a sfuggire l’etichetta dell’estremismo per accreditarsi come «nuovo collante nazionale» (p. 128), in un secondo momento prevalsero spinte ben più radicali ispirate a un rigorismo militante combinato a «un’anima più specificatamente populista» (p. 145). Movimenti islamisti come quello di al-Shabaab testimoniano per un verso lo sviluppo di un riformismo islamico dal carattere «interclanico» (p. 149) e per l’altro una processualità comune ad altri contesti che rivela un percorso di progressiva mediorientalizzazione del contesto somalo nel rapporto tra dinamiche locali e internazionali. Il volume nel complesso ha il sicuro pregio di analizzare con grande puntualità e una non comune ricchezza di dati e fonti il corso della statualità nel Corno d’Africa durante gli ultimi due decenni, con il limite però di penalizzare a tratti la concettualizzazione degli argomenti in favore della ricostruzione fattuale.


Antonio M. Morone