SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Allarme demografico. Sovrapopolazione e spopolamento dal XVII al XXI secolo

Scipione Guarracino

Milano, Il Saggiatore, 222 pp., € 18,00 2016

Il libro ripercorre «tre secoli di idee, teorie e ideologie demografiche nel loro intreccio con i percorsi della storia reale» (p. 190). L’allarme del titolo non riguarda, se non marginalmente, la situazione demografica attuale o le sue proiezioni future, ma le preoccupazioni che, a partire dal ’600, hanno caratterizzato le visioni demografiche di studiosi, governanti, religiosi, artisti: preoccupazioni relative alle dimensioni di una popolazione e alle sue dinamiche, alle minacce di una crescita catastrofica oppure al rischio di estinzione, all’acuirsi di squilibri nella composizione sociale, etnica, religiosa, e nella distribuzione territoriale di popoli diversi. Sono temi che riemergono con urgenza nella cronaca quotidiana e nella narrazione della crisi contemporanea: la loro riproposizione ossessiva, associata a una diffusa sensazione di impotenza, genera allarmi, rinfocola antiche paure, giustifica reazioni politiche improvvide. Ben venga dunque uno sguardo retrospettivo, capace di collocare nella loro dimensione storica le radici profonde e a volte oscure di ideologie che tendono periodicamente a ripresentarsi sotto forme solo superficialmente diverse. L’a. mostra come tali allarmi siano sempre infondati e spesso ispirati a ideologie conservatrici quando non schiettamente reazionarie. Il libro si presenta come un catalogo di errori, previsioni o minacce regolarmente smentite dai fatti, e degli orrori posti talora in atto per porvi rimedio. La galleria dei protagonisti è affollatissima: si va dagli ingegnosi calcoli dell’aritmetica politica sei-settecentesca, alle utopie del tardo illuminismo, alle minacciose conseguenze delle ferree leggi «di natura» malthusiane e al dibattito che vi ha fatto seguito, a Darwin e alle aberrazioni del darwinismo sociale e dell’eugenica, agli incubi di spopolamento della vecchia Europa, sopraffatta dalla crescita dei popoli orientali, fino agli scenari apocalittici della bomba demografica, alle fantasie distopiche che ne sono generate, e alle politiche di contenimento messe crudelmente in atto da governi dispotici. A comporre il quadro concorrono non solo studi scientifici o pretesi tali, ma pamphlet, romanzi, film. Se affastellare opere accademiche, letterarie e cinematografiche può rendere efficacemente il carattere pervasivo delle ideologie che le accomunano, tende però ad appiattire in una sola dimensione questioni e contributi di diverso rilievo. Alla fine si esce dal libro come da un museo delle cere, un po’ frastornati, e con il dubbio che l’efficacia del messaggio sacrifichi la complessità dei temi trattati. Prendiamo Malthus: le sue funeste previsioni possono essere state smentite (finora…) dai fatti, ma il modello che ha delineato è imprescindibile per comprendere le dinamiche delle economie preindustriali. E mentre si dà molto spazio agli avversari ottocenteschi di Malthus, non si parla dei contributi più recenti, da Esther Boserup a Partha Dasgupta. Gli studiosi potranno stupirsi di simili assenze. Un lettore meno esperto potrebbe trarne l’impressione che modelli demografici e previsioni siano un esercizio inutile quando non dannoso: speriamo di no.


Renzo Derosas