SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

La formazione degli Stati Uniti

Arnaldo Testi

Bologna, Il Mulino, pp. 253, euro 16,00 2003

?La tattica funzionò, anche se Harrison pagò caramente lo stile virile e plebeo che gli era stato imposto. Eletto presidente, insistette nel prestare giuramento senza cappotto, all'aperto e in un giorno freddissimo. Prese una polmonite e morì un mese dopo (aprile 1841)? (p. 156). William H. Harrison è stato presidente per un mese. Il modo in cui Testi descrive il fatto non è aneddotico, ma segnala due tratti caratterizzanti la sua storia degli Stati Uniti dal periodo coloniale alla ricostruzione: ben narrato e godibilissimo, il volume ? cosa tutt'altro che facile per un saggio di taglio manualistico ? introduce le categorie storiografiche più aggiornate (nel caso di Harrison quella relativa alla costruzione della mascolinità). Nel libro ci sono donne e uomini, immigrati, neri e natives, c'è il senso profondo di una società che fin dall'inizio aveva in sé i germi della complessità sociale e della molteplicità di culture che la caratterizzano. E c'è anche il percorso che ha portato alla costruzione di una democrazia dai forti connotati espansivi, nel cui ambito i principi di autogoverno, eguaglianza e libertà si sono amplificati fino a mettere in discussione i confini di razza e genere e a prospettare una missione democratica degli USA all'estero, che si sarebbe espressa nella guerra di Cuba e la cui pratica dura tuttora. Già dalle prime pagine la novità del taglio storiografico è evidente. Gli insediamenti coloniali sono descritti nell'ambito di una storia mondo che vede le colonie inglesi come ?parte di un vasto circuito atlantico, di un sistema di scambi e relazioni che connetteva fra loro quattro continenti? e la storia coloniale come storia di popoli dai destini incrociati ?nell'ambito di processi che riguardarono la costruzione dei moderni imperi europei non solo nelle Americhe ma anche in Africa e in Asia? (p. 13). L'autore parla delle origini e degli sviluppi dei partiti, dei modi formali e informali della politica, dei caratteri della partecipazione elettorale; restituisce agli schiavi soggettività e capacità di resistenza sottolineando la centralità della famiglia nera; illustra lo sviluppo di un movimento abolizionista interrazziale a larga partecipazione femminile, il linguaggio sessuato della Costituzione, l'approvazione del XIV emendamento che concedeva il voto ai neri (almeno sul piano formale) ma non alle donne e le lacerazioni provocate da tale scelta. Democrazia è uno dei concetti trasversali nell'opera. Dalla democrazia ?partecipativa? a quella ?multirazziale? sperimentata dai neri liberati dopo la guerra civile, al nesso democrazia-nazionalismo stabilitosi nella costruzione dell'idea di nazione. Ne emergono fallimenti e limiti, mostrando un paese dalla democrazia ?imperfetta? e solo parzialmente inclusiva. L'autore è riuscito in una sfida che egli stesso aveva posto anni fa: come ricomporre una storia frammentata dalla storiografia sociale e multiculturale a danno della storia politica. Gli equilibri tra diversi approcci storiografici sono infatti ottimamente bilanciati. In un periodo in cui si parla tanto di americanismo e antiamericanismo, il libro è un importante strumento di chiarezza per gli studenti e certo il miglior manuale di storia americana in italiano. Gli americanisti aspettano con ansia il volume sul ?900.


Elisabetta Vezzosi