SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Le ombre della Patria. Capitoli ottocenteschi tra Foscolo e Carducci

Giovanni Capecchi

Firenze, Le Lettere, 236 pp., € 18,00 2015

In questo importante volume l’a., docente all’Università per Stranieri di Perugia, si muove tra letteratura e storia, mettendo a fuoco il tema della patria lungo l’800 e in particolare nel periodo che precede e segue l’unità nazionale: dall’esilio di Foscolo all’ultima raccolta poetica di Carducci, nell’anno che chiude il secolo, dalla tensione verso l’unità nazionale – collante di un’Italia politicamente divisa – alla delusione disgregante successiva al 1861. La linea portante è dichiarata nella Premessa: la letteratura oggetto d’indagine aiuta a capire la storia italiana nel periodo considerato e racconta non «i sogni e le speranze, i progressi e i successi di una Nazione – in via di formazione e poi, finalmente, nata –, ma […] il tramonto di questi sogni e di queste speranze»: insomma, «le ombre della Patria» (p. 7). Il capitolo «Sterminatamente lontana»: la patria degli emigranti (pp. 189-209) è una rassegna della letteratura di emigrazione fra secondo ’800 e primo ’900, a partire da Sull’Oceano di De Amicis (1889), reportage della navigazione da Genova a Montevideo su un piroscafo, microcosmo rappresentativo della nazione, con i due strati sociali divisi tra l’affollatissima terza classe e la elitaria prima. La convinzione del valore civile della letteratura sorregge sia la variegata attività culturale del nobile pistoiese Niccolò Puccini (pp. 35-52), sia il culto di Ferdinando Martini per Giuseppe Giusti (pp. 53-74). Nella nostra letteratura cerca exempla per dare un’identità alla nuova nazione italiana il latinista e politico toscano Atto Vannucci (pp. 75-99), il quale rinuncia a curare l’edizione integrale dell’Inno alle Grazie, preferendo limitarsi ad alcuni frammenti, pur di non scalfire il binomio scrittore-cittadino dell’amatissimo Foscolo (pp. 90-92). Proprio con un intervento su Foscolo e l’esilio (pp. 9-34) si apre il libro, che si chiude con un altro «classico», Carducci, di cui la raccolta conclusiva Rime e ritmi sancisce l’estraneità al ’900, il secolo più lontano dall’idea del poeta-vate (pp. 210-225). Dal giovane Carducci insegnante al liceo di Pistoia prende il via il capitolo dedicato ai rapporti tra Carducci e la città di Cino (pp. 100-124). A Pistoia trascorre la sua ultima drammatica stagione l’allievo prediletto da Carducci, Severino Ferrari, che lì muore nel 1905; più felici i tre periodi da lui trascorsi a Firenze, oggetto del capitolo Le stagioni fiorentine di Severino Ferrari (pp. 125-147). Il capitolo più lungo e denso, Gli scrittori siciliani e l’Italia unita (pp. 148-188), esamina la pluralità di voci critiche che dalle pagine degli scrittori meridionali (da Verga a Camilleri) si leva nei confronti dell’Italia unita. La quale – vista da Sud – è lontanissima dalla patria immaginata negli anni del Risorgimento.


Gianfranca Lavezzi