SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Napoleone III

Eugenio Di Rienzo

Roma, Salerno, 715 pp., Euro 30,00 2010

Ha il sapore di un libro di altri tempi la biografia che Eugenio Di Rienzo dedica a Napoleone III. Ricchissima di notizie, eventi e personaggi, generosa di belle citazioni e particolarmente attenta alla ricostruzione di singoli passaggi, è anche una biografia centrata in modo prevalente sul dato politico (secondo tre assi di cui dirò subito) e inframmezzata da opportuni richiami alla produzione giornalistica, letteraria e filosofica del tempo: nell'insieme un cocktail riuscito, perché a onta di una mole ponderosa il libro scorre piacevolmente.Tre sono le questioni che sostengono e fanno da sfondo al quadro d'insieme: la messa a punto e la consistenza del progetto bonapartista, ovviamente, e i molteplici piani che riguardano la politica francese interna ed estera, prima e dopo l'avvento al potere del nipote di Napoleone. Lungo tali assi si dipanano i nodi storiografici che più interessano all'autore. Questi, fin dalla premessa, si è infatti riproposto di leggere la vicenda di Luigi Napoleone privilegiando l'angolatura del «primo miracolo italiano» (la boutade è di Luciano Cafagna), ossia l'unità. Ciò non vuol dire che i riflettori non siano adeguatamente puntati sulle avventurose imprese del «desdichado» né, tanto meno, sulle vicende interne ed estere del Secondo Impero: il contestato assetto costituzionale, il dilemma di una direzione economica liberista e in odore di sansimonismo, le complesse dinamiche della politica interna unitamente a una politica estera «perennemente sospesa» tra equilibrio ed espansione (p. 409 ss.), nulla di tutto ciò è assente. Tali questioni sono strettamente intrecciate a partire dal cap. IV (si noterà che il V, intitolato L'Impero democratico, propone un'interpretazione peculiare del regime; su questo cfr. anche p. 546 ss.). Un'attenzione particolare, in ogni modo, è dedicata alla tessitura del progetto italico che ha portato, nonostante il disegno confederativo perseguito con ostinazione dall'ultimo imperatore dei francesi (novello Carlo Magno ma anche lettore di Saint-Simon e Thierry) a cogliere contro ogni aspettativa il frutto unitario.Una grande sintesi, insomma. 700 pagine di attenta ricostruzione storica, prodotte attraverso l'esame di una quantità quasi sterminata di fonti letterarie, primarie e secondarie. Pagine in cui la narrazione, d'altra parte, prevale sulla problematizzazione: la ricchezza e la solidità dell'intelaiatura «fattuale» - voglio dire - non concedono spazio a certi aspetti non propriamente marginali. Nessuna riflessione sulle implicazioni del genere biografico (sulle quali, negli ultimi decenni, si è invece scritto molto); scarsi e infastiditi accenni alle domande che il regime di Luigi Napoleone continua a porre sul piano politologico (e risolte, non a caso, con l'invito a scendere «dall'iperuranio della storia delle idee», p. 142). Siamo, evidentemente, di fronte a una scelta. Forse, a una rivendicazione di autonomia della storia rispetto ad altre (ingombranti?) discipline. Come che sia, con questo libro il genere storico - seppure attraverso una «specie» sui generis qual è quella biografica - ritrova e al tempo stesso rilancia la specificità del suo campo d'indagine.


Cristina Cassina