SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Fascismo Antifascismo Resistenza. Studi e ricerche di storia bellunese

Ferruccio Vendramini

Belluno, Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea, p 2003

Edito in occasione del 70° compleanno dell'autore, il volume ? che inaugura una nuova collana di studi e ricerche dell'Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea ? vuole essere un meritato riconoscimento dell'attività scientifica di Ferruccio Vendramini, per vent'anni instancabile direttore e animatore dell'Istituto di Belluno, che, grazie anche al suo impegno, è diventato una delle realtà tra le più consolidate della rete nazionale degli istituti storici della Resistenza, segnando dei passaggi importanti per il rinnovamento della storiografia italiana (basti solo rammentare le ricadute sul piano della ricerca del convegno Guerra, guerra di Liberazione, guerra civile, tenutosi a Belluno nel 1988). La pubblicazione raccoglie dieci saggi scritti da Vendramini tra il 1981 e il 2000 (sebbene la maggior parte di essi sia stata stesa tra la metà degli anni Ottanta e i primi del Novanta) tutti usciti, tranne uno, sulla rivista «Protagonisti», in una fase che, a detta dell'autore, costituì ?una stagione forse irrepetibile? durante la quale poté godere ?della massima libertà di ricerca da parte di tutti i responsabili dell'ISBREC? (p. 8). Gli studi pubblicati costituiscono uno spaccato importante della storia politica e sociale del territorio bellunese dal primo al secondo dopoguerra, testimoniando inequivocabilmente le notevoli capacità di Vendramini di affrontare diversi temi e nodi problematici: dalle particolari forme del collaborazionismo locale durante il biennio 1943-1945 (come è noto Belluno, con Trento e Bolzano, durante la RSI venne aggregata dai tedeschi alla zona d'operazioni Alpenvorland) agli strumenti di consolidamento del regime fascista, dal manifestarsi dell'antifascismo locale ad alcuni aspetti della lotta di Liberazione, dai caratteri dell'amministrazione militare alleata alle vicende dell'internamento degli ebrei durante la Seconda Guerra mondiale. Complessivamente esce un itinerario che, seppure filtrato attraverso la lente dell'esperienza bellunese, aiuta, senza dubbio, il lettore a comprendere la cornice entro cui si colloca l'intera storia nazionale. Completa e arricchisce il volume un interessante apparato fotografico e un prezioso indice dei nomi. Discutibile, forse, risulta la scelta ? condivisa dall'autore ? di non aggiornare i testi dei saggi con le recenti acquisizioni storiografiche, che avrebbero potuto fornire un ulteriore strumento per il ricercatore. Ciononostante i contributi riproposti in Fascismo Antifascismo Resistenza mantengono inalterato tutto il loro valore, costituendo ancora un importante punto di riferimento e una lettura obbligata per tutti coloro che si avvicinano allo studio della storia contemporanea bellunese.


Marco Borghi