SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

50 anni di tour operating in Italia

Franco Rosso

Milano, Ulrico Hoepli, pp. 196, euro 14,00 2002

In una nuovissima serie delle edizioni Hoepli, chiamata ?Turismi e turisti?, e che presenta titoli dedicati in particolare alla formazione professionale nel settore turistico, è apparsa l'autobiografia di Franco Rosso, certamente il più noto tour operator italiano, che ha dato il suo nome a una delle più famose società di viaggi e turismo. Il racconto è chiaro, analitico, dettagliato. Parte dai primi anni Cinquanta, quando prende il via la sua attività, a Torino, coll'apertura di un'agenzia di viaggi, ovvero di una biglietteria ferroviaria nazionale. Franco Rosso descrive le prime gite organizzate in pullman, domenicali, e verso mete distanti pochi chilometri da Torino: verso la Sacra di San Michele o in Val di Susa. Poi i primi cataloghi, la costruzione dei rapporti con gli alberghi e con i corrispondenti, l'arrivo in Africa e l'avvio dell'attività tra Nairobi e Mombasa con l'utilizzo dei primi charter. Poi la crisi degli anni Settanta, seguita dalla crescita e dalla diversificazione dei rami d'attività dell'impresa, la cura della distribuzione, l'organizzazione, la pubblicità, la concorrenza, l'associazionismo, fino allo spostamento, avvenuto nel 1998, della Francorosso nell'Alpitour. Franco Rosso apre un argomento dietro l'altro, motivando la sua posizione di uomo e di imprenditore mediante la descrizione di contesti relazionali e temporali ampi, e contemporaneamente ponendo sempre attenzione alla congiuntura. L'andamento della narrazione è quello tipico dell'autobiografia novecentesca ma presenta ampie parentesi esplicative, nelle quali è ben chiaro l'intento didattico. La riproduzione di una serie di documenti e il grande spazio, offerto all'interno del libro al mondo della pubblicità, ? mediante la riproduzione del marchio d'impresa e delle copertine dei programmi di viaggio e con le testimonianze dirette di pubblicitari come Pietro Gallina e Filippo Leonelli ? lasciano comprendere il ruolo fondamentale assegnato da Rosso alla comunicazione. Al testo segue un'appendice dedicata ai ?Numeri del turismo?. Partendo dagli anni Sessanta, e fino al 2000, sono riassunti, su base decennale, i dati più significativi del settore turistico relativamente alle vacanze degli italiani e all'incoming. Un'autobiografia che ripercorre dunque la vicenda di un'impresa che occupa un posto importante nella storia del turismo italiano della seconda metà del Novecento. Si tratta di un cinquantennio durante il quale il fenomeno si modifica profondamente, raggiungendo anche in Europa, e dunque in Italia, la sua taglia di massa. Una testimonianza che ha il valore di un documento, e che come tale è da leggere e interpretare nell'evoluzione complessa del quadro istituzionale, politico, culturale e sociale del tempo.


Annunziata Berrino