SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Clausewitz, il prussiano. La politica della guerra nell'equilibrio europeo

Gian Enrico Rusconi

Einaudi, Torino 1999

Quest'opera ha il grande merito di ambiziosamente confrontarsi con un gigante come Clausewitz e con temi quali la guerra e la concezione che di essa ebbe il prussiano. Il fatto che sia stato edito nell'anno della guerra per il controllo del Kossovo ha giovato alla fortuna del volume, che è stato discusso anche in sede giornalistica e pubblicistica. Un altro merito sta nelle fonti scelte, che sono le più recenti raccolte tedesche di scritti clausewitziani e una buona parte (era possibile tutta?) della storiografia e della riflessione filosofico-politologica sul militare prussiano: fonti non ignote agli esperti, ma mai sfruttate e discusse assieme in un'opera per un pubblico più largo in Italia. Si sbaglierebbe inoltre il lettore che credesse questa un'anodina opera di mediazione culturale fra ambiti disciplinari (storia, scienza politica) o linguistici (tedesco, italiano): ché l'a. ha elaborato qui sue proprie e ben risolute idee. Fra queste, una plurima "riduzione" di Clasuewitz: al suo mero essere stato un militare, con tutti i limiti tipicamente associati alla cultura militare; al suo essere prussiano (secondo una concezione che potremmo dire Ritteriana); al suo operare in una ben determinata congiuntura storica (l'era napoleonica e le sue immediate prossimità): con tutto quello che ne conseguirebbe - negativamente - nella possibilità concreta di estendere più di tanto il valore o l'applicabilità della sua interpretazione delle guerre, se non addirittura della guerra. Da cui, infine, la scarsa utilità del clausewitzianismo per comprendere - storicamente, politologicamente - le guerre dell'età nucleare, e forse anche le stesse guerre del Novecento. Particolare impegno, infine, è messo nel tentare di demolire il carattere "liberale" (più o meno entro limiti "prussiani", si intende) delle proposte politiche e dell'approccio interpretativo di Clausewitz: il quale pure - nelle congiunture assai rigide ed autocratiche della Prussia del tempo - militò fra i riformatori e fra i sostenitori di un esercito "di popolo" (Nazione armata) rispetto agli eserciti di volontari, di professionisti e "di caserma" (se ancora il linguaggio di Monteilhet, Ritter e Pieri può oggi essere utilizzato). In questo la polemica dell'a. con gli studi di Peter Paret o di Michael Howard appare decisa, anche se non sempre convincente. Difficile dire se questa sarà l'ultima biografia, o biografia intellettuale, su Clausewitz. Certo è che merito dell'a. è aver ricordato che - su temi così importanti e decisivi non solo per i cultori di storia militare - era "tempo di una rilettura di Clausewitz meno strumentale, più problematica e riportata criticamente al suo contesto politico" e storico. A condizione di riconoscere, però, che è quanto anche altri (Paret, Howard ecc.) avevano fatto, immersi nel loro tempo, che non è quello delle guerre del post-bipolarismo.


Nicola Labanca