SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

La città operosa. Milano nell'Ottocento

Giorgio Bigatti

Franco Angeli, Milano 2000

Due gli ambiti tematici del volume, che raccoglie sette contributi, in parte già pubblicati, scritti tra il 1984 e il 2000. Il primo consiste nei nessi tra la formazione tecnica, le professioni ad essa connesse e l'industria (intesa, nella sua accezione "larga" ottocentesca, come "industriosità") nell'area lombarda tra metà '700 e fine '800. Il secondo riguarda il rapporto tra le trasformazioni urbane sollecitate dallo sviluppo e le politiche attivate dal governo locale per mediarne e ottimizzarne l'impatto; in questo caso al centro dell'attenzione è soprattutto la Milano ottocentesca, con l'eccezione del saggio finale - dedicato alla gestione dei servizi idrici nei nuovi spazi urbani -, che offre uno sguardo a tutto campo sull'Italia liberale. Non sempre raccogliere in un solo volume ricerche derivanti da occasioni diverse produce esiti convincenti. Questo, invece, a mio avviso supera brillantemente la prova. La prima sezione consente di rileggere unitariamente lo sviluppo economico lombardo a partire da una prospettiva inconsueta, le "storie di ingegneri" (così il sottotitolo di uno dei saggi); non tanto quella degli imprenditori, ma anche e prevalentemente quella dei tecnici che nel corso di un secolo li affiancarono, chiamati a risolvere problemi tanto di razionalizzazione dell'agricoltura, quanto di acclimatamento della cultura industriale in un contesto sì ricettivo, ma comunque orientato a una cautela nei confronti dell'innovazione, che aveva solide radici nelle certezze offerte dalla ricchezza dei campi. Le forti continuità funzionali tra agricoltura, commercio e industria si colgono con evidenza, del resto, anche nella capitale regionale, ovvero in una città "operosa" - come suona il titolo - piuttosto che senz'altro industriale, come talvolta ci si ostina a raffigurarla. Nella seconda sezione del libro è analizzata la città in alcune sue nervature fondamentali (le case e i servizi pubblici ), in cui si riversa una porzione robusta del mondo contadino circostante. Per quanto angusti, essa chiede spazi in cui collocarsi e impone prima la trasformazione interna degli edifici racchiusi entro le mura, poi l'uscita della città al di fuori del suo involucro tradizionale e l'avvio di un forte sviluppo edilizio nelle aree in cui sorgono contestualmente gli insediamenti industriali. Forte di una solidissima base documentaria d'archivio (statale, civica e privata) e bibliografica, Bigatti non si lascia sedurre da quelle tentazioni apologetiche che hanno talvolta incantato la storiografia lombarda. Della città "operosa" si ricostruiscono i pregi, ma anche si segnalano i limiti. Così, a proposito dei processi di trasformazione urbana ottocenteschi, l'autore osserva: "Niente di paragonabile, naturalmente, a quanto avveniva in altre grandi città europee. A Milano ai grandi progetti si preferì il piccolo cabotaggio" (p. 133); un invito, insomma, - secondo la più aggiornata storiografia economica - a collocare l'oggetto di analisi nella sua giusta scala di comparazione, quella regionale e internazionale al tempo stesso.


Marco Meriggi