SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Il capitalismo in un contesto ostile. Faide, lotta di classe, migrazioni nella Calabria tra Otto e Novecento

Giovanni Arrighi, Fortunata Piselli

Roma, Donzelli, XXVI-166 pp., € 19,00 2017

Che attualità può avere la traduzione di questo saggio, pubblicato nel 1987 sulla «Review. Fernand Braudel Center» influenzata dalle teorie di Wallerstein? Ben contestualizzato nel processo internazionale di formazione dell’autore, tracciato da M. Petrusewicz, fu il prodotto finale del lavoro svolto negli anni 1973-1979 presso l’Università della Calabria, creata nel 1972; qui Arrighi giunse reduce dall’esperienza in Rhodesia e Tanzania, dalla collaborazione con gli antropologi sociali della scuola di Manchester e con studiosi di tre continenti, dall’analisi delle recenti mobilitazioni sociali in Italia per focalizzare l’attenzione «sulla questione del capitalismo, del sottosviluppo, delle migrazioni, della lotta di classe e della globalizzazione» (p. XVI). Studiando il mercato del lavoro e l’emigrazione dalla Calabria, «contesto ostile», area periferica, furono individuati tre percorsi internazionali dello sviluppo capitalistico: la «via prussiana» del Crotonese (accumulation by dispossession, borghesia terriera e proletariato senza terra, diseguaglianza, pauperizzazione e lotta di classe); la «via americana» nella piana di Gioia Tauro (struttura sociale semiproletarizzata, meno polarizzata, povertà meno diffusa e ricchezza meglio distribuita, faide continue tra gruppi rivali); la «via svizzera» nel Cosentino (migrazioni di lunga distanza e di lungo periodo, comunità relativamente prospere con minore conflitto sociale). A differenza delle zone di origine, questo sviluppo diede luogo a varietà di soluzioni, diverse da quelle prospettate dall’analisi marxista, ma tutto ciò non portò alla fine della periferizzazione e il «paradigma Calabria» è divenuto la metafora della periferia dell’economia mondo. Nella Postfazione la sociologa e antropologa Fortunata Piselli, che aveva partecipato alla fase di ricerca degli anni ’70, confronta quei risultati con i più recenti modelli globalizzati di conflitto e coesione sociale. La Calabria si conferma regione periferica, in cui al peggioramento di alcuni indicatori economici e sociali si affianca un benessere basato su meccanismi informali compensativi, che mettono in circolazione ingenti quantità di danaro e alimentano criminalità organizzata, forme di illegalità diffusa, clientele. Le nuove forme di migrazione, come quella intellettuale, e di immigrazione, prevalentemente di africani, condizionano le prospettive di sviluppo. Unici attori capaci, a livello nazionale e internazionale, di avere una posizione centrale, sono i clan della ’ndrangheta infiltrati nei centri decisionali dello Stato, nello sviluppo del centro e nord Italia. In trenta anni i processi della world economy, mutati e verificati nel contesto calabrese in merito alle modalità, agli esiti, alle forme di lotta, rendono attuali i densi temi del lavoro di Arrighi, con un’efficacia riscontrabile nel costante e rinnovato lavoro della «Review. Fernand Braudel Center», su temi quali l’ambiente, le periferie, l’ecologia, la resilienza, la globalizzazione.


Renata De Lorenzo