SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Storia della Tour Eiffel

Jill Jonnes

Roma, Donzelli, 348 pp., Euro 26,00 (ed. or. New York, 2009) 2011

Jill Jonnes non è un'accademica, ma una storica di professione dotata di un raro talento per la scrittura. Dopo essersi dedicata alla storia delle città americane, con attenzione al loro sviluppo urbanistico (noto il volume sulla costruzione della Penn Station di New York) e aver trattato di sviluppo tecnologico otto-novecentesco (nel volume su T. Edison e G. Westinghouse), questa volta è sbarcata in Europa per descrivere la Parigi di fine '800, nella fase di costruzione del suo monumento più celebre, la Tour Eiffel.Difficile catalogare il volume, dal momento che storia del giornalismo, della tecnologia, dei costumi e della politica si sovrappongono, in un continuo avvicendarsi di punti di vista, così da renderlo scorrevole come un romanzo. La Tour e il suo ideatore Gustave Eiffel sono i protagonisti di una ricostruzione che va dal 1886 a fine 1889 (anche se l'epilogo giunge al 1893, con Eiffel coinvolto nello scandalo del canale di Panama). Contemporaneamente la storia della complicata costruzione della Tour è il pretesto per popolare la Parigi della giovane Terza Repubblica di una miriade di personaggi più o meno noti, da Edison a Gauguin passando per Buffalo Bill e G. Bennett. La torre deve essere il monumento celebrativo dell'Esposizione universale che, dal 6 maggio 1889, ha come primo obiettivo quello di celebrare il trionfo della Francia repubblicana, le cui radici affondano nel sollevamento rivoluzionario del 1789. Jonnes descrive ogni momento della costruzione del gigante di ferro e acciaio adagiato sul Champ de Mars e contemporaneamente fotografa la Parigi dei caffé, dei giornali, delle dispute artistiche e dei tanti stranieri che la popolano. Tra questi un ruolo di prim'ordine hanno gli americani, i «fratelli maggiori» della Francia repubblicana e rivoluzionaria. Coloro che in occasione dell'Esposizione universale del centenario rivoluzionario scelgono di appoggiare la giovane Repubblica, isolata in Europa dalle case regnanti che non vi partecipano in veste ufficiale. In questa Parigi ricca di stimoli artistici e culturali, americani e francesi cercano di vincere i rispettivi pregiudizi e ad esempio i parigini si scoprono grandi appassionati della ricostruzione del violento e selvaggio Ovest che Buffalo Bill e A. Oakley offrono nel loro show Wild West. Nel fornire con mano sicura e sapiente mille curiosità al lettore, l'a. non perde di vista il valore prettamente politico della costruzione della Tour. Gustave Eiffel è l'emblema dell'uomo borghese che, grazie allo studio e al lavoro, è stato in grado di ascendere a livello sociale. Il monumento che egli offre alla «sua» Repubblica deve simboleggiare il trionfo del principio repubblicano. Non a caso il 1° aprile 1889, giorno dell'inaugurazione, è anche una data chiave per la giovane Repubblica: il tentativo boulangista è stato respinto e il generale è costretto ad abbandonare il paese. Di fronte al vessillo tricolore che sventola a oltre trecento metri da terra, l'ingegnere capo di Eiffel può con orgoglio dichiarare: «Abbiamo cercato di erigere un monumento che celebrasse la data solenne del 1789, ecco il motivo delle colossali dimensioni della torre» (p. 98).


Michele Marchi