SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

The Montesi Scandal. The death of Wilma Montesi and the birth of paparazzi in Fellini's Rome

Karen Pinkus

Chicago, University of Chicago Press, pp. 155, $ 27,50 2003

Pinkus ci racconta il cosiddetto ?caso Montesi? ? il ritrovamento l'11 aprile 1953 del cadavere della ventunenne Wilma Montesi in una spiaggia di Tor Vaianica ? e gli attori che fino all'ultimo processo d'appello avvenuto nel febbraio 1963 hanno contribuito a definire i contenuti del ?caso?: i vari esponenti della famiglia Montesi, alcuni ostinati sostenitori della ?disgrazia? (un pediluvio tragicamente trasformatosi in annegamento), altri implicati in torbidi tradimenti; le indagini ricche di contraddizioni della polizia; la stampa e i rotocalchi che, oltre a proporre inchieste parallele, danno voce a testimoni veri, fittizi, in cerca di facile notorietà; Adriana Bisaccia e Anna Maria Moneta Caglio, giovani aspiranti attrici e figure centrali del processo, giudiziario e morale, contro Piero Piccioni e Ugo Montagna, il primo figlio dell'esponente democristiano Attilio, il secondo imprenditore di nobile lignaggio e animatore della vita notturna romana; non manca neppure la presenza di un'attrice affermata ? Alida Valli ? accompagnatrice ufficiale del giovane Piccioni. Un caso di cronaca nera che rispetta tutti i motivi del ?genere?: figure femminili che oscillano tra ?purezza? e ?traviamento? morale, uomini corruttori, intrigo politico, sesso e droghe. Queste vicende sono efficacemente raccontate da Pinkus attraverso l'utilizzo di vari registri. Il caso Montesi è infatti trasformato in una potenziale sceneggiatura cinematografica a sua volta arricchita da inseriti teorici, da fotografie e da fotogrammi (tratti dai film La dolce vita di Fellini e da Ladri di biciclette di De Sica, dal film collettivo Amore in città, dai rotocalchi «L'Europeo» e «Oggi»). Le scelte narrative di Pinkus si confrontano appieno con le implicazioni sulla ?scrittura della storia? che derivano dall'approccio culturale così come dalla scelta di temi e di fonti prodotte dalla cultura di massa; il libro è infatti un testo scientifico che ridefinisce il rapporto tra finzione e realtà facendo saltare gerarchie e dicotomie sedimentate nella disciplina. Per quanto riguarda i contenuti, la ricerca conferma alcune delle tematiche del periodo: la circolazione di storie, immagini, personaggi all'interno del sistema mass mediatico e attraverso generi diversi (in questo caso Pinkus sottolinea le molte analogie tra il ?caso? Montesi, i personaggi dell'industria del rotocalco e il film La dolce vita); la porosità dei confini tra fiction e realtà, immaginario e vita quotidiana; le trasformazioni del binomio pubblico-privato; le battaglie per l'egemonia che si combattevano dentro e attraverso le istituzioni della società dello spettacolo. La messa in scena di Pinkus racconta un clima culturale e politico fissato sullo schermo dai personaggi de La dolce vita di Fellini ? paparazzi in agguato, personaggi in cerca di pubblicità, tragedie private, compromessi e ricatti ? e ci invita a riconsiderare una periodizzazione artificialmente legata allo scorrere dei decenni. Se La dolce vita è spesso considerato un film che apre gli anni Sessanta, il lavoro di Pinkus sembra dimostrare invece che personaggi, tematiche e sogni erano già visibili nelle cronache e nelle storie raccontate fin dal secondo dopoguerra.


Enrica Capussotti