SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Le due battaglie dell’Atlantico. La guerra subacquea 1914-1918 e 1939- 45

Antonio Martelli

Bologna, il Mulino, 377 pp., € 25,00 2015

Il volume affronta due aspetti decisivi delle due guerre mondiali: le campagne per il controllo delle comunicazioni oceaniche. Un tema di grande interesse, che contrasta con la scarsa attenzione ai problemi marittimi che caratterizza gli studi italiani sui due conflitti. Il libro, di alta divulgazione, si muove in una prospettiva tradizionale di storia della strategia e delle operazioni. Le fonti sono prevalentemente secondarie e nella bibliografia la pubblicistica domina rispetto alla letteratura scientifica, mentre rilevante è la mancanza di alcuni studi cruciali sul tema, tra gli altri quelli di H. Herwig (1980) e W. Rahn (1990). Nel testo sono analizzate, dando ampio spazio agli aspetti tecnici, la guerra sottomarina del primo conflitto mondiale, la rinascita della marina tedesca e la seconda campagna contro le comunicazioni alleate del secondo conflitto mondiale. L’impostazione narrativa privilegia eccessivamente il secondo conflitto rispetto al primo, dedicandovi il triplo delle pagine. Il problema posto al centro della narrazione è la reazione della Germania alla propria inferiorità navale e geografica, che la indusse a puntare sulla guerra subacquea. La tesi di Martelli è che in ambedue le guerre la sconfitta degli U-boot fu causata dalla mancata comprensione del potenziale decisivo che potevano avere: se la Germania avesse puntato subito sui sommergibili i risultati sarebbero stati diversi, come dimostra il quasi collasso delle comunicazioni avversarie nel 1917 e nel 1942. L’interpretazione dell’a. non convince del tutto, specie alla luce della letteratura recente (si veda L. Sondhaus, 2014), la quale ha evidenziato che gli alleati non subirono mai una crisi dei rifornimenti. L’assunto che puntando subito sui sommergibili i risultati sarebbero stati maggiori può essere oggetto di discussione: prima del 1914 nessuno ne ipotizzava un impiego contro il traffico; nel 1939 le priorità erano gli armamenti terrestri e aerei, che consentirono alla Germania le vittorie del 1939-1941. Il testo non offre un vero confronto tra le due campagne e un’analisi dell’evoluzione del pensiero strategico navale tedesco, concentrandosi sugli aspetti operativi. Così viene a mancare una piena comprensione del problema strategico che la Germania affrontava: in ambedue i conflitti le risorse tedesche erano insufficienti per combattere una guerra globale contro gli alleati, dotati di una base tecnologica e industriale superiore. L’a. invece privilegia la tesi secondo cui con un maggiore numero di unità la situazione si sarebbe evoluta in favore dei tedeschi. Ma più il contingente subacqueo si ampliava più diminuiva la sua efficienza, per il minor addestramento e l’impossibilità di introdurre nuovi modelli: un problema generale della guerra tedesca. Si entrava così in una logica di attrito, nella quale gli avversari dimostrarono, in entrambe le guerre, una maggiore capacità di adattamento, grazie anche a intelligence e risorse superiori. Pur con questi limiti, va riconosciuto all’a., recentemente scomparso, di essersi concentrato su un tema importante e troppo trascurato dagli studi italiani.


Fabio De Ninno