SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

L’utopia paternalistica sovietica e la realtà delle etnie. Ceceni e ingusci nell’esilio staliniano e dopo (1944-primi anni ’60)

Francesco Benvenuti, Vladimir Kozlov, Marina Kozlova

Roma, Aracne, 148 pp., € 10,00 2016

Basato su documenti inediti di grande interesse provenienti dagli archivi ex sovietici, questa breve monografia ricostruisce in maniera nuova e puntuale per il pubblico italiano il destino dei circa 450.000 ceceni e ingusci deportati tra il 1944 e il 1957 dalla loro terra natìa nelle steppe e sulle montagne del Kazakistan e del Kirghizistan. Un’operazione pianificata dall’establishment staliniano non solo per punire forme di collaborazionismo con i tedeschi, che pur vi erano state negli anni della guerra, ma anche per liberare il Caucaso settentrionale da popolazioni turbolente, colpevoli di non aver mai gradito l’occupazione russa prima e quella sovietica poi. Obiettivo del regime era di creare, nei luoghi di destinazione, una nuova etnia «atomizzata », priva di una precisa identità, sotto il controllo delle autorità sovietiche. Ma l’operazione Čečevica non raggiunse i risultati attesi. Tra i deportati ceceni e ingusci, entrati presto in contrasto con la popolazione e le autorità locali, incapaci di inserirli davvero nel nuovo mondo in cui erano stati trasferiti, si diffusero velocemente disorganizzazione, fame e malattie. In condizioni di vita così precarie rinacque il tribunale degli anziani, fu proclamato il divieto dei matrimoni misti, furono attivati meccanismi di aiuto alle famiglie, si consolidarono i legami all’interno e tra i clan. Il sentimento religioso, peraltro mai sopito anche nella terra di origine, rinacque più forte che mai costringendo persino le autorità locali a cercare un modus vivendi con i mullah meno spigolosi. A niente valsero divieti, punizioni o nuove misure restrittive volute da Mosca: ceceni e ingusci riuscirono negli anni a mantenere ugualmente il loro spazio sociale, rafforzando la propria nicchia etnica, e, dopo il XX Congresso e la destalinizzazione, furono tra i primi a partire per far ritorno nelle proprie case. Il rimpatrio, prima spontaneo, poi organizzato in seguito alla decisione presa il 9 gennaio 1957 dal Presidium del Soviet supremo dell’Urss in favore della ricostituzione della Repubblica autonomia di Cecenia e Inguscezia, fu per loro un ritorno trionfale. Così, il risultato della loro perseverante tenacia – alimentata da «vecchi arcaismi clanisti sopravvissuti, a quanto pareva, ai colpi distruttivi della sovietizzazione, della collettivizzazione, della deportazione e dell’esilio» (p. 124) – e delle loro continue pressioni fu la decisione di molti di coloro che in quella terra erano andati a vivere al loro posto dopo il 1944 di abbandonarla per sempre. Una storia dunque, quella dei ceceni e degli ingusci deportati, fatta di coraggio e fiero, ostinato attaccamento alla propria identità religiosa e culturale, narrata in uno stile talvolta non proprio scorrevole e inserita in un contesto molto complesso come quello del terrore e delle repressioni staliniane che forse avrebbe avuto bisogno di un maggiore approfondimento per il lettore italiano.


Elena Dundovich