SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Tra fascio littorio e senso dello Stato. Funzionari, apparati, ministeri nella Repubblica sociale italiana (1943-1945)

Marco Borghi

Padova, Istituto Veneto per la storia della Resistenza e della società contempor 2001

La parabola della Rsi attraverso la storia della pubblica amministrazione e della burocrazia. Un'ampia scelta di fonti in prevalenza archivistiche permette all'autore di documentare l'esperienza del trasferimento dei ministeri al Nord, la scelta (forse imposta dai tedeschi, più probabilmente però nata dal caos organizzativo del momento) di sparpagliarne le sedi in più luoghi fisicamente tra loro distanti, gli sforzi per assicurare ciononostante all'apparato repubblichino un minimo di efficienza burocratica, la prima articolazione della vita amministrativa. Interessante la polemica che si sviluppa immediatamente anche a Salò contro i ritardi e lo scarso spirito fascista della burocrazia. Borghi conferma a questo proposito ciò che gli studi più recenti sull'amministrazione italiana avevano del resto già messo più sommariamente in luce: che, cioè, una larga parte del personale trasferitosi restò sostanzialmente estraneo ad una vera e propria politicizzazione. Il progetto di ?mettere i burocrati in camicia nera?, già fallito nel corso del ventennio, si rivelò del tutto impossibile a realizzarsi persino nel nuovo contesto di mobilitazione rappresentato dalla Repubblica. Convincenti anche le pagine dedicate al ?clima di finzione? che caratterizzò l'intera esperienza repubblichina, dominata dall'ossessione dell'onore tradito e dai miti di un ?eroicismo diffuso? primitivo quanto velleitario: a quel clima la cultura dell'amministrazione restò però per lo più immune, ripiegata semmai sui valori della continuità burocratica e sul precario equilibrismo tra fedeltà di facciata alla Repubblica, prosecuzione del dovere d'ufficio, strategie di compromesso e di salvezza personali. Scritto con buona consapevolezza dei problemi storiografici generali, il libro di Borghi offre dunque una panoramica convincente dell'esperienza amministrativa della Rsi. Di rilievo alcuni ritratti di funzionari e esponenti dell'élite ministeriale (Angelo Tarchi, Paolo Albertario). Una ricca appendice (pp. 193-282) chiude il volume.


Guido Melis