SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

C'era una volta il mondo nuovo. La metafora sovietica nello sviluppo emiliano

Marco Fincardi

Roma, Carocci, 287 pp., Euro 23,50 2007

Il libro presenta, in un affascinante intreccio di storia e memoria, alcuni tratti della genesi del mito dell'Unione sovietica in Emilia. Si tratta di un percorso genetico perché, nonostante una parte delle fonti sia costituita da interviste e riguardi un ambito cronologico successivo alla seconda guerra mondiale, l'a. ha a cuore il problema dell'egemonia di una determinata cultura politica nella società locale e per questo prende le mosse da Prampolini, dall'Inno dei lavoratori, dal radicamento del socialismo riformista nel Reggiano. I primi due capitoli servono a Fincardi a impostare i problemi e definire i percorsi di ricerca per la ricostruzione di fondamenti e contenuti dell'immaginario collettivo, mentre i tre capitoli finali - riccamente documentati da ampi brani di interviste - costituiscono il cuore del lavoro e devono essere discussi. Una delle tesi del libro è indicata con chiarezza a p. 205: la provincia reggiana rappresenterebbe una smentita alla tesi - espressa originariamente da G. Roth e poi largamente ripresa - secondo la quale l'opposizione radicale e senza esito di governo (i comunisti in Italia, ma anche i socialdemocratici nella Germania guglielmina) darebbe luogo a un'integrazione negativa e alla creazione di subculture territoriali chiuse in se stesse e limitate nei loro orizzonti. La tesi è interessante e riceve argomentazioni e una buona documentazione nelle pagine dedicate alla ricostruzione del clima culturale nel Convitto-Scuola della Rinascita «Luciano Fornaciari», fondato a Reggio Emilia dall'ANPI nel 1945, di cui sono ricordati i programmi di formazione tecnica e la cultura produttivistica. Solo che i capitoli precedenti (3. 1929-1945: un'altra patria e 4. Repubbliche da edificare) contengono proprio le testimonianze che illustrano la classica subcultura territoriale «rossa», quella delle piccole Russie, delle feste di cellula e di sezione come feste di famiglia, della socializzazione tutta interna al mondo del Partito. Dunque «Stachanov in Emilia» negli anni '50 non sembra mettere in discussione i caratteri noti della subcultura territoriale rossa. Diverso, probabilmente, sarebbe il discorso per gli anni successivi, fra miracolo economico e centro-sinistra, quando tutte le aree rosse vissero un'importante stagione di sviluppo con l'esplosione della piccola e media industria, e quando la continuità col «mondo nuovo» della «metafora sovietica» fu integrata dall'idea del profitto e dell'arricchimento individuale e dall'accettazione della legittimità del modello capitalistico. Si nota a volte - ma la cosa è vera in numerosi lavori di storia fondati su interviste e fonti orali - un eccesso di Verstehen dell'a. verso i soggetti della sua ricerca e qualche lacuna bibliografica. Per tutte: D. Kertzer, Politics & Symbols. The Italian Communist Party and the Fall of Communism (New Haven, Yale University Press, 1996), e altri lavori dello stesso studioso che sarebbero stati particolarmente utili all'a. nel suo disegno di «decifrare le simbologie dell'esperienza politica memorizzate dai militanti» (p. 11)


Franco Andreucci