SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Emigrazione ed immigrazione nella storia del Lazio dall'Ottocento ai giorni nostri

Maria Rosa Protasi

Viterbo, SetteCittà, 152 pp., Euro 15,00 2010

Il lavoro presenta una sintesi articolata per periodizzazioni e tipologie migratorie dei principali movimenti di popolazione che hanno riguardato la regione Lazio. È diviso in tre capitoli, dedicati rispettivamente all'emigrazione laziale all'estero, agli altri movimenti migratori e ai caratteri riepilogativi del fenomeno. L'a. ha il merito di riempire una evidente lacuna storiografica, colmata fino a oggi solo in parte da studi di carattere locale o altri interventi parziali.Protasi si confronta fin dalle prime pagine con tutti i problemi legati allo studio del Lazio, regione caratterizzata da una storia amministrativa recente e travagliata, dalla complessa centralità della capitale e che contiene inoltre al suo interno territori anche molto differenti tra loro, dal punto vista economico e sociale. Diversi sono d'altronde anche i flussi migratori passati in rassegna: dai movimenti di popolazione in uscita del periodo pontificio a quelli in età liberale, dalle migrazioni durante il fascismo alla ripresa dopo la seconda guerra mondiale, dalla stagione dei rientri alle immigrazioni dall'estero più vicine a oggi. Molta attenzione è inoltre dedicata alle migrazioni interne, ai movimenti stagionali, alle bonifiche e agli esperimenti di colonizzazione, come pure al passaggio di profughi e rifugiati politici e alle deportazioni.Il volume è arricchito da un notevole apparato statistico, che grazie alla pluralità di fonti esaminate ci restituisce un quadro complessivo del fenomeno distinto a seconda dei contesti locali.Il libro si segnala per la capacità dell'a. di inquadrare la questione migratoria a partire dall'analisi economica e sociale del territorio preso in esame, grazie all'articolazione della documentazione consultata (archivi comunali, fonti statistiche centrali, rilevazioni di carattere locale) e grazie a un approccio metodologico capace di mettere in relazione le acquisizioni più innovative della storia locale e della storiografia del territorio con le categorie elaborate nell'ambito degli studi sulle migrazioni. Si tratta di un dato non affatto scontato, legato tra l'altro al profilo della studiosa e al suo percorso di ricerca di storia sociale. La storia delle migrazioni nella regione è inoltre continuamente contestualizzata legandola alle congiunture fondamentali dell'età contemporanea: le guerre, i cicli di espansione e depressione dell'economia, le trasformazioni politiche, le mutazioni nella produzione e i loro effetti sulla popolazione. Un maggiore approfondimento avrebbe meritato nell'opera la questione dell'immigrazione straniera nella regione negli ultimi decenni.


Michele Colucci