SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Borghesia mafiosa. La ‘ndrangheta dalle origini ai giorni nostri

Mario Casaburi

con un intervento di Emilio Ledonne, Bari, Dedalo, 360 pp., € 18,00 2010

Studioso della criminalità calabrese attento a ripercorrere studi locali e alcune fonti giudiziarie fin dal primo '800, Casaburi organizza una più lunga storia della ‘ndrangheta intorno al filo rosso di un'antimafia, seguita sin dalle sentenze contro la picciotteria altamente violenta e criminale del pur mitico brigante Musolino nella società rurale di fine '800; che accompagna successive espansioni della ‘ndrangheta, pervenendo con l'antimafia odierna al difficile contrasto della «borghesia mafiosa». Il profilo storico si può dire ricco di riferimenti ad aspetti culturali e a contesti, che stimolerebbero però una scala microstorica della ricerca, su cui solo sarà possibile formulare e svolgere nodi essenziali della storia della ‘ndrangheta, quale l'innesto del gruppo mafioso forte (tuttora nebuloso tra 1890 e 1950) su pratiche violente interne alla società rurale pregresse e persistenti, tra conflittualità corrente e accaparramento oligopolistico di risorse. L'attrezzatura della ricerca sembra deficitaria in particolare nel recepire in termini pedissequi il modello di «mafia inprenditrice» di Pino Arlacchi, senza entrare nel cospicuo dibattito sociologico e storiografico che ha visto per molti case studies le letture di comparazione passato/presente prevalere sulla tesi di una mutazione del fenomeno da onorifico a imprenditoriale. Ne risulta inficiata anche la comprensione del forte linguaggio di onore, che l'a. attesta già nella onorata società di fine '800, ed è tuttora codice di specifica identificazione dei mafiosi (resta monco per esempio, p. 134, il discorso che con la mafia imprenditrice è la ricchezza a dare onore, una volta c'era la semplice conflittualità su base onorifica e familistica: l'onore come valore di potere/denaro è identico per '800 e '900). Per l'800 s'intercettano alcune filiazioni dalla mafia e soprattutto dalla camorra, che diversi riferimenti precisi stimolano ad approfondire sia per il mondo del carcere, sia per il mercato camorrista urbano-rurale tirrenico, che (era già noto) arriva in Calabria con la ferrovia costiera a fine '800.Le informazioni si affollano per il secondo '900, tra sviluppi economici e delle relazioni politiche della ‘ndrangheta, e le categorie sembrano acquistare sicurezza: dal citato modello di Arlacchi, alla critica della «massomafia» a favore di un'autonomia della ‘ndrangheta (caposaldo dei fenomeni mafiosi tra passato e presente), per pervenire quindi alla «borghesia mafiosa» del titolo. La categoria viene riferita (p. 214) all'ingresso della ‘ndrangheta nel blocco di potere urbano del Sud cementato intorno alla spesa pubblica, che è data dalla capacità di gioco della ‘ndrangheta tra impresa legale/illegale a partire dagli anni '70. Due capitoli per mano di Ledonne mettono a frutto l'alta esperienza di antimafia dell'a., seguendo la proiezione internazionale della ‘ndrangheta e facendo il punto d'altra parte sulle difficoltà tuttora presenti di coinvolgere con ruoli attivi nell'azione di contrasto la società civile (e lo Stato, attraverso scuola e lavoro…) a fronte della «zona grigia» dei «fiancheggiatori», ovvero «borghesia mafiosa».


Marcella Marmo