SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Mediterranean Diasporas. Politics and Ideas in the Long 19th Century

Maurizio Isabella, Konstantina Zanou (a cura di)

London-New York, Bloomsbury, 217 pp., £ 65,00 2016

Tra i cantieri di ricerca sul Lungo Ottocento transnazionale quello guidato dalla sapiente regìa di Maurizio Isabella e Konstantina Zanou pare uno dei più avanzati, capace di rivitalizzare categorie e metodi di indagine, lavorando su uno spazio plastico come il Mediterraneo dei displacements rivisitato in ottica di spatial turn. Dedicato alla memoria di Christopher A. Bayly, scomparso nel 2015, il volume attua un esercizio di decostruzione mentale rispetto a un vettore liquido che diventa a sua volta plurale, i Mediterranei, a seconda che lo si percorra da est verso ovest, o da sud verso nord, seguendo gli intrecci tutt’altro che lineari, i nodi, i gangli di reti che diventano una rete ante litteram, in grado di mettere in contatto dinamico su distanze multiple e con esperienze grossomodo simultanee persone, cose, progetti. L’Ottocento lungo diventa così un tempo che produce nuove mobilità e modernizzazioni forzate provocate a loro volta da guerre (basti pensare alle guerre napoleoniche), espansioni e occupazioni militari, rivoluzioni. Un secolo di innovazioni, nuovi traffici commerciali, protesta e dissenso politico, tutti fenomeni disruptive che non possono essere più compresi secondo la geometria e la geografia tradizionale. L’idea di una fertile specificità del Mediterraneo che ha fatto parlare post-braudelianamente di Mediterrean-ness conduce gli autori del volume a leggerne la storia ottocentesca in termini di «sistema ecopolitico» (così G. Paquette, p. 50), un comune denominatore ambientale di esperienze all’apparenza diversissime, anche provocatorie o contraddittorie. Come ad esempio la difesa dell’idea di impero e delle libertà interne ai sistemi imperiali, laddove si sostengono cause nazionali e si disvela il dilemma ordine/libertà, liberalismo/ dispotismo che percorre tutto il secolo, dall’Impero ottomano alla penisola iberica. In pratica, questa è una delle lezioni del libro, non esiste un solo modo di essere impero, come non esiste un solo modo di essere liberali o di essere liberi. Sicuramente ciò che si disarticola e si risemantizza in questo spazio è l’esperienza dell’esule: riletto come un alien, un migrant, un war refugee, più che la vittima di rimpianti e di nostalgie secondo un paradigma storiografico a lungo praticato, archivi e dati alla mano egli appare inserito in circuiti e flussi come mediatore di contaminazioni e mutuazioni culturali. Nel complesso, il quadro offerto dai saggi dedicati a casi studio di esuli e personalità attive sulle rotte mediterranee conferma in retrospettiva storica lo stretto rapporto tra fenomeni di migrazione per motivi politici e avanguardie intellettuali (An intellectual history in the Mediterranean and beyond? titola non a caso una sezione dell’Introduzione), applicando il concetto di diaspora/diaspore agli spazi del Mediterraneo visto non come un unicum chiuso, bensì come un contesto modulare, declinabile in maniere diverse a seconda degli osservatori e delle strategie identitarie e memoriali messe in atto.


Arianna Arisi Rota