SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

La morte per la patria. La celebrazione dei caduti dal Risorgimento alla Repubblica

Oliver Janz, Lutz Klinkhammer (a cura di)

Roma, Donzelli, XX-250 pp., euro 29,00 2008

Utile e ben fatto prontuario a tema. Non occorre per dirlo esser persuasi di ciò che asseriscono in premessa i due curatori, che si trattasse di una inadempienza della storiografia italiana rispetto a un tema imprescindibile, fissato da un'agenda dei lavori definita altrove. Tanto meno, personalmente, posso capacitarmi dell'idea che «Per questa ragione» ? la presunta mancanza di studi sul «culto dei caduti» ? «il caso italiano è spesso ignorato nella storiografia internazionale» (p. XII). Mi sembra ottimistico. So per certo che «il caso italiano» ? cioè tout court l'Italia e la storiografia italiana ? è spesso ignorato dalla storiografia...d'oltralpe, a prescindere dai vuoti e dai pieni. Non dai benemeriti Klinkhammer e Janz, s'intende. Qui convocano i migliori collaboratori possibili, ciascuno a sintetizzare in un saggio ciò che, spesso, aveva già trattato in un libro. Dunque, gli studi preliminari non mancavano, non era tutto da fare e la natura del volume è più di bilancio d'assieme che di ricerca ex novo. Detto questo, è comodo trovare riuniti ? ciascuno dalla «sua» angolatura ? Roberto Balzani, Lucy Riall, Bruno Tobia, lo stesso Janz, Antonio Gibelli, Roberta Suzzi Valli, Nicola Labanca, Petra Terhoeven, l'altro co-curatore Klinkhammer in veste di autore, Francesco Germinario, Guri Schwarz. Una squadra eccellente, come si vede. Che per giunta riesce nell'insieme a tenere a freno quel virus interno e specifico della storia culturale, che è il non poter «credere» più a nulla: destrutturando destrutturando, si arriva a pensare che assolutamente tutto sia stato e sia «costruito». Tutto e il contrario di tutto. Il rischio così è travolgere nella retorica le vite vissute, interi mondi di convinzioni. È una sensazione connessa al genere, qui meno petulante. Degli undici saggi (più l'introduzione), i primi due si riferiscono al sacrificio patriottico nel Risorgimento, cioè alla conversione del martire da religioso a politico e al nesso cruciale morte-morti-eroismo-Italia, còlto nel volontariato garibaldino. Dopo 50 pagine si entra nel '900, con il saggio sui Monumenti ai caduti che attraversa i due secoli. Un bell'investimento, dunque, sulle problematiche della tenuta, trasformazione ed eventuale venire meno del doppio e congiunto valore storico posto sotto i riflettori: la patria e la morte per la patria. Particolarmente fresco e succoso risulta Il culto dei martiri fascisti: Roberta Suzzi Valli ricostruisce le cifre dei morti di parte fascista ? computo arduo e mutevole nel tempo ?, le liturgie della morte, l'esclusione dal «martirio» dei morti degli altri, i «sovversivi». Labanca dimostra come persino il numero dei morti della guerra d'Etiopia ? pochi: e forse anche e proprio per questo ? rimanga nel vago. Klinkhammer spinge sino all'oggi la complessa memoria di Cefalonia. E Schwarz conclude ventilando la fine degli eroi, in un paesaggio generalizzato di vittime.


Mario Isnenghi