SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Prigionieri per sempre. Politiche di propaganda e storie di prigionia italiana tra Egitto e India

Salvatore Lombardo

Aracne, 283 pp., € 15,00 2016

Una solida ricerca archivistica ha prodotto un volume dal titolo intrigante su una tematica spesso evanescente. I Prigionieri per sempre rievocano i «reduci a vita», formula con cui Mario Isnenghi nel 1989 indicava i militari italiani catturati dalle forze armate nemiche nel corso della seconda guerra mondiale: uomini connotati per sempre da una sconfitta che non sarebbe mai stata integrata nella memoria nazionale. Tra tutti l’a. prende in considerazione quanti furono catturati dai britannici e reclusi nei campi in Egitto e in seguito in India. In questi territori furono praticate tra il 1941 e il 1943 politiche di propaganda, in particolar modo dall’agenzia di intelligence Pwe (Political Warfare Executive). Si intendeva costituire una Free Italian Force, un gruppo di uomini che avrebbe combattuto al fianco degli alleati. Le difficoltà organizzative indussero a preferire i campi indiani per tentare un «programma a sei stadi» (p. 107) di rieducazione, discriminazione, separazione e riorganizzazione. Si riteneva necessario trattare amichevolmente i prigionieri italiani con attività ricreative e corsi di inglese, per predisporli a forme efficaci di propaganda, quali quotidiani dedicati e programmi radiofonici locali e internazionali. Il reclutamento dei prigionieri antifascisti destinati a battaglioni denominati «Italia Redenta» venne predisposto nell’aprile 1943: due anni più tardi si contavano appena settecento volontari. La caduta del regime e l’armistizio determinarono un’ulteriore politica di discriminazione tra i prigionieri, sollecitandoli a dichiarare formalmente l’intenzione a cooperare o meno. La complessa struttura dei campi indiani si spaccò allora negli schieramenti dei blacks, i fascisti, e i whites, inclini alla causa monarchico-badogliana. Isolati i primi, i secondi finirono per essere impiegati in lavori specializzati in India o trasferiti in altre parti dell’Impero. L’ampia analisi sulla propaganda prearmistiziale induce l’a. a valutarla come fallimentare, se non per un esito tutt’altro che desiderato: «contribuì a creare l’identità specifica degli ufficiali non cooperatori d[el campo indiano di] Yol» (p. 242); nel dopoguerra ne trasse inoltre beneficio una formazione politica marcatamente fascista come il Msi. L’a. si rivolge quindi alle riviste per i reduci gestite nel dopoguerra dagli ex non cooperatori e alle loro memorie che rafforzarono l’identità politica maturata nei campi. Il confronto con i testi autobiografici degli ex cooperatori si esaurisce in rapide considerazioni, scarsamente problematizzate, per cui la loro scelta viene giudicata «scontata» (p. 229) e «deludenti» (p. 234) i loro articoli. Un lettore di autobiografie, direbbe Lejeune, dovrebbe essere più tollerante, mostrando le competenze letterarie, psicologiche e sociologiche per comprenderle. Fornire riferimenti più circostanziati sulle politiche di detenzione e propaganda statunitensi sarebbe infine risultato utile alla comparazione con le memorie dei Pows italiani citati solo superficialmente


Erika Lorenzon