SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Il fascismo dallo Stato liberale al regime

Ugo Mancini

Soveria Mannelli, Rubbettino, 340 pp., Euro 25,00 2007

L'a. ha svolto una ricerca originale, in particolare presso l'Archivio Centrale dello Stato e l'Archivio di Stato di Roma, relativa a Roma, ai Castelli romani e al Lazio, anche se l'opera non si presenta come una storia locale. L'ambizione dichiarata anche nel titolo fin troppo generalizzante è quella di connotare la ricostruzione storica delle origini del fascismo e della prima stabilizzazione del regime, circoscritta agli anni '20, con un più ampio riferimento alle tematiche del consenso e alle interpretazioni generali del fascismo, che sono frequentemente discusse e rielaborate con notevole impegno esegetico e interpretativo. L'avvento del fascismo in un'area regionale dove le basi di massa conseguite dal movimento e poi dal Partito erano meno estese che nella Valle Padana, in Emilia o in Toscana, comportò un rapido adattamento alle nuove e fortunose circostanze della conquista del potere, che verteva su un accentuato centralismo e sull'esaltazione della funzione politica e amministrativa della capitale del governo e dello Stato. Il potere fascista fu, però, molto più instabile di quanto la dittatura volesse far credere o cercasse di mostrare pubblicamente. Nelle lotte intestine dei gruppi dirigenti locali e nel retroterra, per così dire, del sottogoverno fascista riemergevano innumerevoli differenziazioni e policentrismi, tanto che l'a. può coerentemente declinare sempre al plurale le categorie concettuali e i termini storiografici convenzionali: «consensi», «dissensi», «antifascismi». La sua insistenza su una società frammentata, «sotterraneamente atomizzata» o addirittura «polverizzata» (p. 9) viene proposta come chiave di analisi e di lettura, e dunque potenzialmente estensibile a tutto il ventennio. Le continuità amministrative, se non politiche, dell'operato di governo fascista con il prefascismo resero meno brusca e «rivoluzionaria», ed anche meno incisiva, la trasformazione dello Stato da liberale a totalitario. La restrizione sostanziale del tenore di vita della popolazione attiva in agricoltura e nell'industria, e gli insuccessi della modernizzazione, furono precondizioni ben poco promettenti per la ricerca di un vasto e autentico consenso popolare attivo da parte del regime di Mussolini. I gerarchi di provincia non riuscirono a costituire, altro che per brevi momenti, un vero e proprio gruppo dirigente regionale, tale da influenzare in modo sensibile e duraturo la composizione del governo fascista e dello stesso Municipio e, in seguito, Governatorato di Roma, dove non di rado tendevano a presentarsi molti e ambiziosissimi candidati «forestieri». Gli antifascisti conservarono, anche se non sempre, una notevole capacità di resistenza sotterranea, che l'a. documenta con ampi riscontri. L'impatto della dittatura sulla società e sul percorso storico dell'Italia contemporanea fu al tempo stesso notevole e differenziato, tutt'altro che univoco e monodirezionale: si trattò non tanto di un incontro quanto piuttosto di «incontri tra il fascismo e la società civile» (p. 7).


Marco Palla