SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Chiara BERNARDINI

BIOGRAFIA

Istruzione e formazione
Laureata in Conservazione dei Beni culturali, con indirizzo Archivistico-librario, presso l’Università della Tuscia di Viterbo (1999) ha conseguito il diploma in Archivistica, paleografia e diplomatica della Scuola biennale dell’Archivio di Stato di Roma (1999) e quello in Archivistica della Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica e archivistica (2000). Ha conseguito inoltre il Dottorato di Ricerca in “Società, istituzioni e sistemi politici europei (XIX-XX secolo)” - XIX ciclo ( marzo 2007), con una tesi dal titolo La classe dirigente negli anni del fascismo. Il caso viterbese, che è stata pubblicata da Sette Città (Viterbo) nel 2008, con lo stesso titolo. Nel 2009 ha conseguito l’Abilitazione all’insegnamento presso la Scuola (biennale) di specializzazione all’insegnamento secondario (Ssis) del Lazio (Università degli studi di Roma 3).
Esperienza lavorativa
Dal 1999 al 2010 ha svolto prevalentemente l’attività di archivista, occupandosi del riordinamento e dell’inventariazione di archivi di enti pubblici e privati. Si ricordano in particolare le collaborazioni con la Soprintendenza archivistica dell’Umbria di Perugia (2000), con varie amministrazioni comunali (Vetralla – VT, 2001; Sermoneta – LT, 2002 e 2004), con l’Amministrazione provinciale di Viterbo (2002-2005).
Ha poi effettuato una ricerca archivistica e bibliografica nell’ambito del progetto relativo a Il controllo del regime delle acque come strumento di sviluppo e difesa del territorio. Inventario delle fonti per una storia della gestione idrogeologica del Mezzogiorno d’Italia dall’Unità alla Seconda Guerra Mondiale, grazie a una borsa di studio bandita dall’Associazione nazionale per gli interessi del mezzogiorno (Animi) di Roma (2001-2003). Nei mesi di ottobre-novembre 2001 ha svolto uno stage presso gli Archivi storici delle Comunità europee di Firenze. Ha collaborato con l’Università della Tuscia di Viterbo a progetti di ricerca storica (Prin 2006) e di Cagliari (2011) e di ricognizione archivistica. Ha provveduto all’organizzazione, al riordinamento e all’ inventariazione dell’archivio pregresso e delle carte giacenti presso gli Uffici dell’Istituto centrale per il catalogo (Iccd), presso il Ministero dei beni e delle attività culturali, in vista dell’adozione del protocollo informatico (2004-2006). Ha partecipato al censimento degli archivi storici comunali del Lazio per conto della Lait Spa (2009-2011).
Studiosa del periodo fascista, ha indirizzato le sue ricerche durante il dottorato (2004-2006) in particolare al rapporto centro-periferia durante il regime, prestando particolare attenzione alla complessità dei problemi relativi al rapporto tra storia nazionale e storia locale. Ha collaborato al Dizionario biografico Il Consiglio di Stato nella Storia d’Italia curato da Guido Melis edito in 2 volumi da Giuffré (2006).
Dal 2009 svolge a tempo pieno l’attività di insegnante di lettere nella Scuola secondaria di primo grado, non trascurando la ricerca e continuando la collaborazione con l’Università della Tuscia sia come cultrice della materia, nell’ambito della cattedra di Storia dell’amministrazione e della comunicazione pubblica della prof.ssa Giovanna Tosatti, sia come componente della redazione della rivista on-line “Officina della storia”.




Ultima modifica: 08/09/2014 13:16:32