SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Antonio Buttiglione

Istituto Italiano per gli Studi Storici

BIOGRAFIA

Borsista dell'Istituto Italiano per gli Studi Storici di Napoli, presso il quale svolge il progetto di ricerca Prima e dopo le "barricate": Rivoluzione, ordine e beni comuni nelle Due Sicilie (1848-1849).

Ha completato nel 2018 il Dottorato di ricerca in "Scienze storiche e dei beni culturali" presso l'Università degli Studi della Tuscia di Viterbo, con una tesi dal titolo La Rivoluzione in "periferia". Movimenti popolari e borghesia nelle Due Sicilie (1830-1848), relatori Prof. Renato Sansa, Università della Calabria, Prof. Carmine Pinto, Università di Salerno.

Nel 2014 ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Storiche presso l'Università degli Studi della Calabria, con la votazione di 110/110 e lode, con una tesi sperimentale dal titolo Il Tricolore, il tamburo, la Croce: la rivoluzione del 1848 in una provincia del Regno delle Due Sicilie, relatore Prof.ssa Marta Petrusewicz.

La sua attività di ricerca riguarda l'azione politica e cospirativa della borghesia liberale e radicale, i movimenti popolari per i beni comuni, la politicizzazione e la radicalizzazione delle aree rurali, e il rapporto tra Stato, gruppi politici e comunità periferiche nel Regno delle Due Sicilie nella prima metà dell'Ottocento.

PUBBLICAZIONI


  • La Jeune Montagne des Deux-Siciles: conspiration républicaine et radicalisme rural, in Les acteurs européens du “printemps des peuples” 1848, a cura di E. Anceau, V. Robert, Presses de Sorbonne Université, Paris 2019 (di prossima pubblicazione).

  • Contro il “sistema napoleonico” alla periferia dell’Impero: i Carbonari calabresi e l’insurrezione del 1813, in Gioacchino Murat, un sovrano napoleonico alla periferia dell’Impero,  a cura di J. A. Davis, R. De Lorenzo, Rubbettino, Soveria Mannelli (CZ) 2019 (di prossima pubblicazione).

  • “Revindiche”. Violenza sociale e mobilitazione politica in Calabria nel 1848, in «Aionos. Miscellanea di Studi Storici», n. 18 (2013-2014), pp. 133-172.