SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

La rappresentazione totalitaria dello Stato fascista tra discorso politico e giuspubblicistica (1925-1940)

Cognome: Beltrametti
Nome: Giulia
Dottorato in: Soria sociale dal Medioevo all'età contemporanea
Istituzione: Università Ca' Foscari di Venezia
Facoltà: Lettere e filosofia
Ciclo: I, nuova serie
Anno: 2005
Primo tutore: Mario Isnenghi
Co-tutela: Array
Abstract:

Questa tesi si occupa di indagare, seguendo il metodo della Begriffsgeschichte, le forme, i modi, l’evoluzione della connotazione totalitaria dello Stato fascista. Da più parti è stata rilevata la mancanza di una adeguata problematizzazione storiografica del concetto di totalitarismo. Provando a rispondere almeno in parte alla questione, si è cercato di riportare nel suo contesto di origine la parola «totalitario» e di seguirne le linee di sviluppo negli anni del regime fascista. In particolare, analizzando una serie di scritti politici e di diritto – scelti tra il 1925, anno della prima «invocazione» totalitaria da parte di Mussolini, e il 1940 – si è cercato di comprendere il significato dell’aggettivo «totalitario», nelle sue varie accezioni, e del sintagma «Stato totalitario» nell’Italia del ventennio. Che rapporto ha questo concetto con il regime che lo utilizza come un manifesto della sua propria novità politica e sociale? Esisteva una relazione tra il suo contenuto «descrittivo» e quello «normativo»?

Abstract in inglese:

Array