SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Europa falce e martello. Il viaggio dei comunisti italiani incontro all’Europa comunitaria. (1957 – 1969)

Cognome: Maggiorani
Nome: Mauro
Dottorato in: Storia del federalismo e dell'integrazione europea
Istituzione: Università degli Studi di Pavia
Facoltà: Lettere e Filosofia - Dipartimento di Scienze Storiche e Geografiche “Carlo M. Cipolla”
Ciclo: VII
Anno: 1992
Primo tutore: Luigi Vittorio Majocchi
Co-tutela: Array
Abstract:

La ricerca (pubblicata nel volume "L’Europa degli altri. Comunisti italiani e integrazione europea: 1957-1969", Carocci, 1998) affronta il tema delle scelte politiche compiute dal PCI di fronte alle questioni comunitarie. Giunto tardi all’appuntamento con l’europeismo, il PCI ha poi combattuto a fondo questa battaglia sino a far coincidere la propria azione con quella tenacemente federalista di Altiero Spinelli; traguardo davvero straordinario per un partito che aveva lungamente interpretato il processo comunitario in chiave esclusivamente atlantica e antisovietica. Il volume ricostruisce il viaggio dei comunisti italiani incontro alla realtà europea nel periodo compreso tra l’istituzione della CEE e l’ingresso della prima delegazione comunista al Parlamento europeo (1969), tappa che segnò una cesura importante nella riflessione internazionale del partito e favorì la ripresa della discussione intorno all’unificazione politica europea. Anche in virtù dell’esperienza comunitaria, nel quinquennio successivo, il PCI muterà i propri riferimenti culturali.

Abstract in inglese:

Array