SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

La repressione politica nell'Italia fascista e nella Germania nazionalsocialista. Dallo scardinamento dello stato di diritto alla nascita di sistemi concentrazionari

Cognome: Poesio
Nome: Camilla
Dottorato in: Storia sociale europea dal medioevo all'età contemporanea
Istituzione: Università Ca' Foscari Venezia
Facoltà: Lettere e Filosofia, Dipartimento Studi Storici
Ciclo: XX°
Anno: 2009
Primo tutore: Rolf Petri (Università Venezia)
Secondo tutore: Oliver Janz ( Freie Universität Berlin)
Co-tutela: Array
Abstract:

La tesi esamina lo scardinamento dello Stato di diritto e la nascita di sistemi concentrazionari nell'Italia fascista e nella Germania nazista attraverso l'uso di due misure preventivo-repressive, il confino e la Schutzhaft. La ricerca analizza le condizioni giuridiche e sociali degli oppositori politici detenuti senza accusa e certezza della durata dell'arresto. Non solo la violenza fisica e psicologica e le difficoltà di vita quotidiana, ma anche la privazione di ogni diritto resero i due strumenti insopportabili a chi ne fu vittima. Dall'analisi comparata e transnazionale emerge che si avviò un processo di osmosi sulle tecniche della repressione e della prevenzione,prima dall'Italia alla Germania, poi dalla seconda alla prima.

Abstract in inglese:

Array