SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

L'Italia e l'Europa orientale. Diplomazia culturale e propaganda 1918-1943

Cognome: Santoro
Nome: Stefano
Dottorato in: Forme della comunicazione del sapere storico
Istituzione: Università degli Studi di Trieste
Facoltà: Lettere e Filosofia
Ciclo: XIV
Anno: 2003
Primo tutore: Anna Maria Vinci
Secondo tutore: Marco Palla
Co-tutela: Array
Abstract:

La mia tesi si propone di analizzare le modalità con cui il mondo della cultura italiano si rese disponibile per mettere in atto una più o meno cosciente diplomazia culturale a supporto della politica di potenza del fascismo verso Est. Tale forma di diplomazia, pienamente funzionale alle esigenze del regime, fu "propaganda", seppure in forma diversa dalla classica propaganda politica: lo fu nella misura in cui contribuì a diffondere gli stereotipi a carattere mitico della latinità, della romanità e quindi del destino imperiale di Roma nei confronti dell'Est europeo. La condivisione di tali miti da parte di influenti circoli dell'establishment politico- culturale dei paesi dell'Est facilitò la penetrazione dell'ideologia fascista in quell'area geografica, anche se il velleitarismo del regime e la sua strutturale debolezza politico-economica e militare segnarono la sconfitta del progetto di egemonia culturale italiana a vantaggio della Germania nazista

Abstract in inglese:

Array