SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Cesare Jarach (1884-1916). Un economista ebreo nella Grande Guerra

Alberto Cavaglion, Francesco Forte

Torino, Silvio Zamorani, 95 pp., € 10,00 2017

Questa breve pubblicazione intende ricordare la figura di Cesare Jarach, giovane economista proveniente da una famiglia ebraica di Casale Monferrato, arruolatosi come volontario nella Grande guerra e morto sull’Isonzo nel 1916. Nella Prefazione il pronipote Manuel Disegni sottolinea la volontà dei famigliari di riportare alla luce una «biografia emblematica e dimenticata» (p. 11), tornando a interrogarsi sulla scelta, comune a molti ebrei di quella generazione, di sacrificare affetti e aspirazioni borghesi in nome della fedeltà agli ideali patriottici. Un documentato saggio di Forte ne ricostruisce il percorso scientifico, restituendo il profilo di un promettente studioso in formazione. Laureatosi in giurisprudenza a Torino, Jarach era fra gli allievi prediletti di Luigi Einaudi, che gli dedicò nel 1917 un significativo necrologio sulla «Riforma Sociale». Scelto fra i delegati tecnici dell’Inchiesta parlamentare sulle condizioni dei contadini meridionali, egli curò nel 1909 la relazione su Abruzzi e Molise, che ne mise in evidenza le doti intellettuali. Gli furono affidati incarichi all’Istituto internazionale di agricoltura e al Commissariato dell’emigrazione. Jarach incarnò un modello di funzionario colto e animato «da devozione alla pubblica cosa» (p. 29); una tipologia di civil servant minoritaria in Italia, di cui – come scriveva Einaudi – l’amministrazione statale aveva estremo bisogno, condizionata com’era da incompetenza e arrivismo. Forte analizza i suoi primi lavori scientifici, inquadrandoli all’interno della scuola economica torinese; da una parte le ricerche sullo sviluppo delle società per azioni in Italia, dall’altra una serie di riflessioni teoriche, quali il saggio sugli effetti della tassazione generale sui profitti e gli appunti su questioni concernenti la teoria quantitativa della moneta. Le pagine di Cavaglion sottolineano come si sia assistito a una lunga rimozione del tema del nazionalismo ebraico, legata al ripudio dell’eredità del fascismo e della sua appropriazione delle tradizioni patriottiche. A farne le spese è stata secondo l’a. proprio la corrente degli interventisti democratici e liberali come Jarach, «rapidamente inghiottiti nel nulla o, peggio, incautamente assimilati ai nazionalisti pre-fascisti» e dall’altra parte oscurati dal neutralismo socialista di Treves «e dei suoi non pochi discepoli ebrei» (p. 69). Le osservazioni dell’a. sono certamente valide sul lungo periodo; tuttavia è da tempo maturata un’attenzione crescente verso le diverse componenti dell’interventismo che ha permesso di restituirne la complessità ideologica, superando gli schematismi prevalsi nei primi decenni della storia repubblicana. Completa il volume una nutrita sezione di immagini e documenti personali e famigliari. Se la pubblicazione ha centrato l’obiettivo di valorizzare una biografia significativa, essa rimanda alla necessità di indagare meglio, come già si è cominciato a fare, i percorsi collettivi delle diverse generazioni di ebrei italiani fra ’800 e ’900 e, più specificamente, il contributo di vari studiosi di origine ebraica allo sviluppo della scienza economica in Italia.


Francesca Cavarocchi