SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Il ghetto delle Cherche. Appunti per una storia della Comunità ebraica di Carmagnola

Bruno Taricco

Prefazione di Alberto Cavaglion, Torino, Silvio Zamorani, 536 pp., € 42,00 2018

L’indagine sulla storia degli ebrei in Piemonte si arricchisce del volume dedicato alla comunità di Carmagnola, racchiusa – sino all’emancipazione – nel ghetto delle Cherche. La ricerca di Bruno Taricco, fondata largamente su fonti archivistiche, contribuisce a ri- costruire «la trama della presenza ebraica» nella città piemontese, dalla fine del Medioevo all’allargamento del numero delle famiglie nell’età moderna, attraverso un «filo vettoriale» (p. 14) che lega – come scrive Cavaglion nella Prefazione – le comunità ebraiche di Saluz- zo, Carmagnola e Torino, diverse nelle loro vicende ma territorialmente contigue. Nell’architettura del volume è ripercorsa la storia della comunità: dagli insediamenti avvenuti nel ’500 a quelli del ’600 con l’arrivo dei Ghirone, dei Rimini, dei Calvo e dei Foa – che si affiancavano ai Diena e ai Laude rappresentanti «le presenze commercialmen- te più attive» (p. 49) della comunità –, al passaggio alla ghettizzazione nel 1724, alla prima emancipazione francese, a quella del 1848 con la successiva entrata in maniera paritetica nella vita del Regno, per seguire poi la partecipazione alla guerra del 1915-1918 e il pro- gressivo assottigliarsi della comunità per le trasformazioni economiche e sociali del primo dopoguerra, sino all’avvento delle leggi razziali del 1938, agli eventi del secondo conflitto mondiale, alla deportazione nei lager e alla partecipazione ebraica alla Resistenza. Il senso del volume, però, si coglie bene nell’impianto genealogico che lo pervade e nella ricostruzione di una serie di «saghe familiari», compiuta sulla base di rilevazioni cen- sitarie svolte dalla comunità, che animano il ghetto delle Cherche (1724-1848), imposto dalle Regie Costituzioni di Vittorio Amedeo II, e urbanisticamente individuato nell’omo- nima isola vicina alla piazza e alla strada principale di Carmagnola, dove agli ebrei erano assegnate le abitazioni con il diritto di inquilinato perpetuo. Particolarmente interessante la parte relativa all’insediamento nelle singole abitazioni e alle modifiche architettoniche che gli ebrei dovettero intraprendere per rendere effettiva la loro segregazione. Altro pre- gio del corposo volume è la ricostruzione – sulla base anche della documentazione notari- le, sotto questo aspetto estremamente rilevante sebbene spesso trascurata dalla storiografia – delle relazioni tra Universitas hebreorum, singoli individui o famiglie e società cristiana considerate impermeabili che, invece, appaiono molto meno fondate sulla separatezza e più sull’osmosi di quanto generalmente non si creda. Cospicuo è l’apparato documentario che supporta la descrizione delle attività, delle strutture comunitarie e delle dinamiche sociali con speciale riferimento alla demografia della popolazione, ai matrimoni e alle doti nonché ai cimiteri, alle istituzioni di benefi- cenza, alla scuola serale aperta dal comune grazie al lascito della famiglia Diena (1910) e alla splendida sinagoga.


Ester Capuzzo