SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

La transizione difficile. Politica e istituzioni in Sardegna (1969-1979)

Giulia Medas, Salvatore Mura, Gianluca Scroccu

Milano, FrancoAngeli, 256 pp., € 34,0 2017

La «transizione difficile», politica e istituzionale che la Sardegna visse nel decennio 1969-1979 è il tema sul quale si sono cimentati gli aa., a partire dalla «legislatura sprecata », la VI (1969-1974), analizzata da Medas, per proseguire in quella successiva (1974- 1979), di cui Mura esamina le riforme istituzionali, economiche e sociali e il tentativo di governare la crisi tra il 1974 e il 1976, per poi concludersi nel triennio 1976-1979, che Scroccu indaga dal punto di vista del rilancio della Rinascita e della breve ma intensa esperienza dell’«Intesa autonomista». Dopo le disillusioni del primo Piano di Rinascita, il decennio si apre con una «grande volontà di cambiamento» (p. 13). Nell’isola la modernizzazione indotta da un’industrializzazione esogena non aveva modificato le strutture sociali più profonde, soprattutto nelle zone interne. Alla crisi che investì diversi settori produttivi, alimentando la conflittualità sociale e accentuando il divario tra aree urbane e rurali, e alla crisi della rappresentanza politica si accompagnarono la consapevolezza delle trasformazioni in atto nella società occidentale, la crescita della sensibilità collettiva e l’apertura di un’inedita fase di confronto politico e culturale. L’instabilità economica, sociale e politica indusse i partiti a ripensare i termini della «questione sarda» per rilanciare l’autonomia attraverso un modello di sviluppo meno squilibrato. Fu questa esigenza costruttiva, in un contesto nazionale e internazionale mutato, a determinare uno sforzo di collaborazione tra forze politiche, a eccezione del Msi, per ridefinire la programmazione attraverso la partecipazione democratica, il decentramento e la riforma dell’amministrazione regionale. Una difficile convergenza, «per affrontare la questione sarda in chiave unitaria e al di là delle proprie rendite di partito o di subordinazione rispetto alle esigenze dei gruppi dirigenti nazionali» (p. 18), che non si sperimentò più. Terzo volume del progetto «Cinquant’anni di autonomia 1949-1999» diretto da Francesco Soddu e promosso dal Centro studi autonomistici «Paolo Dettori», questo lavoro, attraverso una pluralità di fonti, affronta questioni complesse e controverse, giacché le polemiche politiche riemergono, a distanza, come questioni storiografiche. Merito degli aa. è il dar conto delle diverse valutazioni delle scelte compiute dalla classe dirigente regionale – su cui esiste ormai una qualificata letteratura scientifico-politica – cogliendo luci e ombre di quella stagione di fermento e di riforme, e contestualizzando le vicende regionali nel quadro dei grandi rivolgimenti nazionali e internazionali, come i movimenti studenteschi e femminili, la crisi economica, il fenomeno terroristico, l’incipiente crisi dei partiti. È questo lo sforzo che gli aa. hanno voluto compiere, convinti della necessità di un ripensamento dei canoni interpretativi della storia della Sardegna. Allargando l’orizzonte dal locale al nazionale e al globale i concetti di autonomia, sardismo, programmazione, rapporto centro-periferia possono trovare nuove chiavi di lettura utili anche al presente.


Mariarosa Cardia