SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Sudditi di Libia

Gabriele Bassi

Milano-Udine, Mimesis, 278 pp., € 24,00 2018

Il colonialismo, anche quello italiano, si è nutrito di immagini e immaginari dei territori da sottoporre al dominio coloniale, delle popolazioni che li abitavano, oltre che dei colonizzatori stessi. Questi sistemi discorsivi da un lato riattivavano materiali preesistenti nella cultura europea, dall’altro li modificavano, o ne creavano di nuovi, con l’obiettivo di disegnare un quadro all’interno del quale i progetti politici espansionisti trovassero senso e legittimazione. Inserendosi in un filone storiografico che ormai ha rinnovato gli studi sul colonialismo italiano, esaminandone vicende e ricadute da una prospettiva culturale, il lavoro di Gabriele Bassi si pone l’obiettivo di analizzare quali immagini della popolazione libica abbiano accompagnato la storia dell’occupazione del territorio nordafricano dalla guerra del 1911-1912 sino al secondo conflitto mondiale, e quali abbiano accompagnato il discorso sulla Libia negli anni ’50 e ’60. Utilizzando un corpus di fonti variegato e articolato, che include in primo luogo la pubblicistica sia scientifica sia divulgativa, insieme alle monografie pubblicate da soggetti con ruoli e formazioni differenti, l’a. propone una trattazione che mette in evidenza innanzitutto l’impossibilità di parlare di una rappresentazione univoca dei libici. Bassi, al contrario, mostra come l’immagine pubblica proposta dalla stampa si modifichi al modificarsi delle condizioni e delle esigenze politiche, accentuando di volta in volta gli elementi che sono funzionali al momento storico. Particolarmente interessante è a questo proposito il capovolgimento dell’immagine dei libici dal punto di vista religioso: descritti come fanatici all’esordio della politica coloniale, in un contesto in cui l’esasperazione dell’elemento irrazionale era funzionale a sostenere il discorso sulle potenzialità civilizzatrici e modernizzatrici dell’Italia, negli anni ’30 i sudditi musulmani diventano invece come portatori di una visione del mondo compatibile con quella del regime, addirittura letta in chiave antibolscevica (pp. 320-321). Allo stesso tempo, però, l’a. dimostra come alcune singole immagini e aggettivazioni attribuite ai libici (la violenza, la sporcizia) – e, come nella migliore delle tradizioni orientaliste, applicate aprioristicamente, senza attenzione alle diversità e alle complessità interne di una popolazione che viene naturalizzata – siano perlopiù tratte da un più ampio immaginario attorno alle popolazioni arabe, e attraversino la produzione culturale italiana con una certa continuità, dal periodo liberale a quello fascista finendo per costruire, anche nel dopoguerra, il discorso sulla Libia e i libici. Il lavoro di Bassi, come rivendicato dallo stesso autore nelle Conclusioni, seppure con una certa sinteticità (inevitabile, data l’ampiezza anche cronologica della problematica esaminata) compie un’operazione utile quanto necessaria, quella di «scendere nei dettagli di questa cultura della superiorità occidentale», analizzando nei vari contesti dove questa si sarebbe mostrata e in che modo l’avrebbe fatto (p. 239).


Valeria Deplano