SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Sudditi o cittadini? L’evoluzione delle appartenenze imperiali nella Prima guerra mondiale

Sara Lorenzini, Simone A. Bellezza (a cura di)

Roma, Viella, 215 pp., € 26,00 2018

Il ribaltamento dell’assunto consolidato che i nazionalismi abbiano provocato il crollo degli Imperi – sulla base della consapevolezza che invece i nazionalismi siano stati piuttosto la conseguenza che la causa del collasso degli Stati imperiali – costituisce un presupposto importante del rinnovamento degli studi sulla Grande guerra e le sue conseguenze (cfr. Michael A. Reynolds, Shattering Empires. The Clash and Collapse of the Ottoman and Russian Empires 1908-1918, Cambridge University Press, 2011). Con la messa in discussione di uno dei pilastri dell’architettura interpretativa della storia del ’900 è venuto maturando un approccio storiografico più sensibile a cogliere il profilo sfaccettato del processo di trasformazione delle strutture politiche e giuridiche degli Stati nel corso e all’indomani del conflitto. La questione delle appartenenze imperiali, messa a tema nel volume curato da Lorenzini e Bellezza e scandagliata nell’esame delle modifiche intervenute nelle concezioni e nelle pratiche amministrative della cittadinanza, costituisce un punto di osservazione privilegiato dei percorsi di riconfigurazione degli Imperi. La trama imperiale della Grande guerra è giustamente richiamata dai curatori come un’evidenza, a lungo trascurata: «La Prima guerra mondiale fu dall’inizio alla fine una guerra di e fra imperi» (p. 7); e, con riferimento agli Imperi coloniali, valida anche per il dopoguerra: «Gli imperi non solo erano sopravvissuti, ma avevano addirittura ampliato la propria sfera d’azione» (pp. 11-12). Il rapporto tra imperi e nazioni fu in questo contesto più ambiguo e multiforme di quello spesso rappresentato nei termini binari della contrapposizione tra vecchio e nuovo, tra dominio dispotico e diritto all’autodeterminazione. I saggi ospitati nel volume, che raccoglie le relazioni presentate a un convegno svoltosi a Trento nel maggio 2016, restituiscono un quadro complesso delle diverse realtà imperiali viste attraverso la lente delle appartenenze e della cittadinanza. Ad alcuni approfondimenti sugli Imperi continentali – la competizione tra nazionalismo panrusso e ucraino (Miller); i profughi di guerra nell’Impero austro-ungarico e negli Stati successori (Frizzera); i nazionalismi arabi e l’universalismo musulmano nel crollo dell’Impero ottomano (Campanini, Donelli) – seguono altri su quelli coloniali: la cittadinanza nell’Impero britannico tra nazionalismi e lealtà imperiale (Gorman); l’Algeria francese alla ricerca di nuovi diritti (Hasset); la permanenza del «sogno imperiale» nella Repubblica di Weimar (Wagner); lo statuto giuridico coloniale in Libia (Cresti); il caso della cittadinanza imperiale nel Dodecaneso italiano (Espinoza). Emerge da questo quadro come l’obiettivo maggiormente perseguito fosse, sia nel 1914 che nel 1918, non tanto l’abbattimento rivoluzionario degli Imperi, quanto quello della riforma o dell’adattamento, a seconda dei punti di vista, delle strutture imperiali, le quali mostrarono una certa elasticità, di cui le concezioni


Adriano Roccucci