SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Suite italiana. Costumi, caratteri, dispute da Calepio a Leopardi

Inge Botteri

Roma, Viella, 271 pp., € 28,00 2018

Il libro prende in esame quattro opere, scritte tra il 1727 e il 1825, accomunate dalla riflessione sul tema dei costumi, dei comportamenti, dell’etica, e più in generale della civiltà e dell’identità italiana: Pietro Calepio, Descrizione de’ costumi italiani; Giuseppe Baretti, Gl’italiani o sia relazione degli usi e costumi d’Italia; Melchiorre Gioia, Riflessioni sull’opera intitolata L’Homme du Midi et l’Homme du Nord ou l’influence du climat del sig. di Bonstetten; Giacomo Leopardi, Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl’italiani. Quattro testi scritti a cavallo tra la fine di un’epoca, l’Antico Regime, e l’avvento di una nuova modernità, politica, economica e culturale, in un’analogia, che l’a. evidenzia sin dall’inizio, con i tempi d’oggi, segnati, come allora, dalla perdita «dei sistemi di valori nei quali si è creduto e vissuto» (p. 9). Nobile bergamasco, nella sua Descrizione Calepio affronta molti temi: dalla virtù della prudenza all’economica, dalla religione all’onore dei tanti autori italiani distintisi in campo letterario o scientifico. Scritta come replica al resoconto di viaggio dell’inglese Samuel Sharp, Gl’italiani di Baretti, critico letterario e scrittore vissuto a Londra, è una vivace difesa degli italiani, i quali, pur così diversi tra loro, sarebbero tutti civili, affabili e inclini all’amicizia. Concepite in risposta allo svizzero Bonstetten, sostenitore della superiorità degli uomini del Nord d’Europa su quelli del Sud, le Riflessioni difendono quella che Gioia, autore anche del Nuovo galateo, considera l’immagine veritiera dell’Italia e degli italiani, dalla nobiltà al popolo, dalla morale alla scienza. Infine il Discorso, nel quale Leopardi lamenta l’assenza in Italia di una «società stretta», di una élite capace di svolgere un ruolo di guida sociale e, di conseguenza, la mancanza di unità di un popolo privo di una civiltà comune. Con Suite italiana l’a. porta a compimento un percorso di studi molto serio e approfondito, centrato sul tema del galateo e della buona creanza in Antico Regime, nell’ambito del progetto «Europa delle corti». Anche in questo, come in lavori precedenti, Botteri lascia trasparire un atteggiamento di rimpianto sia per la «forma del vivere» di Antico Regime, che «ha connotato l’Europa per quasi quattro secoli» (p. 12), sia per il ruolo primario «giocato dall’Italia nella costruzione di quella modalità del vivere» (ivi). Mi sembra tralasci così, quanto l’Europa, tra ’400 e ’700, sia stata profondamente lacerata, per cui risulta difficile se non sbagliato pensare nei termini di un modello di civiltà condiviso. Nemmeno i comportamenti possono essere ridotti ai soli modelli ideali, proposti o descritti da intellettuali e gentiluomini (dei quali non intendo sminuire l’importanza), ma in essi debbono essere inclusi anche le strategie di sopravvivenza, la manipolazione delle norme, le lotte, le speranze, le rivolte, di individui o gruppi che non sempre, o quasi mai, si riconoscevano in quei modelli e valori. Ne uscirebbe un’immagine più mossa e meno coesa della storia italiana ed europea.


Luisa Tasca