SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Maurizio ZINNI

BIOGRAFIA

Il dott. Maurizio Zinni è nato a Roma l’8 novembre 1976.
            Si è laureato in Scienze Politiche il 7 luglio 1999 presso l'Università degli studi di Roma Tre discutendo una tesi di Storia contemporanea dal titolo: Modelli coloniali nei film di finzione del regime fascista (votazione ottenuta: 110/110 e lode).
            E' risultato vincitore al concorso di ammissione al Dottorato di ricerca in Teoria e storia della formazione delle classi politiche presso l'Università degli studi di Roma Tre, XVII ciclo (A.A. 2001-2002 - A.A. 2004-2005). In data 15 settembre 2005 ha sostenuto con esito positivo la discussione della tesi di dottorato dal titolo:Immagini del potere. Il fascismo nel cinema italiano da “Roma città aperta” ai giorni nostri.
            Dal 1° luglio 2009 è vicedirettore del Laboratorio di Ricerca e Documentazione Storica Iconografica del Dipartimento di Scienze Politiche, Università degli studi Roma Tre.
    Il dott. Zinni ha collaborato alle seguenti attività di ricerca:
Mostra fotografica Omar al-Mukhtar. La cattura, il processo, l’esecuzione, tenuta presso la biblioteca di Studi Politici dell’Università di Roma Tre dal 18 al 28 ottobre 2011. La mostra esponeva circa ottanta stampe la maggior parte delle quali inedita.
Dal giugno 2011 al novembre 2011 ha partecipato al progetto “Med Urb – Iconografia della Libia Coloniale” per la creazione di una banca dati iconografica sulla Libia coloniale.
Nell’ambito del Progetto Prin 2008 coordinato dal prof. Leopoldo Nuti, All'ombra della bomba. Una storia politica delle applicazioni civili e militari dell'energia nucleare, ha svolto una ricerca dal titolo Il vaso di Pandora. Il nucleare nel cinema americano (1945-1963)
Dall’anno accademico 2002-2003 collabora con il Laboratorio di Ricerca e Documentazione Storica Iconografica diretto dal prof. Luigi Goglia lavorando alla catalogazione dei materiali d’archivio e della biblioteca.
Nell’anno accademico 2001-2002 si è occupato di elaborazione dati con compiti di schedatura informatica trasversale con riferimento al programma di ricerca “Guerra e pace dall’Italia giolittiana all’Italia repubblicana”, finanziato dal MURST, coordinato dal prof. Renato Moro.
Nell’anno accademico 2000-2001 ha svolto per il prof. Renato Moro compiti di inserimento dati in software bibliografico con riferimento al programma di ricerca “Processi di costruzione europea: unificazione e frammentazione”
Il dott. Zinni ha partecipato ai seguenti convegni e seminari di ricerca:
Convengo organizzato dall’Accademia di studi storici Aldo Moro Studiare Aldo Moro per capire l’Italia (9-11 maggio 2013) con una relazione dal titolo «Cattivo, peggiore, pessimo: democristiano!». Aldo Moro e la Dc nel film Todo modo di Elio Petri.
Convegno organizzato a conclusione del Prin 2008 All’ombra della bomba. Una storia politica delle applicazioni civili e militari dell’energia nucleare presso l’Università degli Studi di Cagliari (7-10 novembre 2012) con una relazione dal titolo Il vaso di Pandora. Il nucleare nel cinema americano (1945-1963).
            Convegno organizzato dal Dipartimento di Scienze storiche e dalla Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Perugia 28 ottobre 1922. Storia e memoria di una conquista del potere (30-31 ottobre 2012) con una relazione dal titolo Il nostro miglior nemico. Il fascista nel cinema italiano tra alterità ed inclusione.
            Giornata di studio sul tema Prigionie. Storia e testimonianze dei militari italiani tra cattura e ritorno (1940-1945), 2 aprile 2008, Roma.
           
            Il dott. Zinni fa parte del Consiglio scientifico della rivista “Cinema e storia” (Rubbettino) dall’ottobre 2014 e della redazione della rivista “Mondo contemporaneo. Rivista di storia” (Franco Angeli) dal gennaio 2006.
 
ATTIVITA' DIDATTICA
            Nell’anno accademico 2013-2014 e 2014-2015 ha preso l’affidamento della cattedra di Storia del giornalismo e delle comunicazioni di massa presso il dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi Roma Tre.
            Dall’anno accademico 2011-2012 tiene lezioni presso la scuola dottorale del Diaprtimento di Scienze Politiche dell'Università Roma Tre sul tema La metodologia della ricerca iconografica.
            Dall’anno accademico 2004-2005 è cultore della materia per la cattedra di Storia contemporanea, di Storia del giornalismo e delle comunicazioni di massa e di Storia e Istituzioni dell’Africa.
Dall’anno accademico 2007-2008 cura  il seminario Immagini del potere. La memoria del fascismo nell’Italia del dopoguerra. Immagine e realtà nei film di finzione.
Dall’anno accademico 2002-2003 cura il seminario La memoria della Shoah e dell’antisemitismo nella società del dopoguerra: immagine e realtà del passato nei film di finzione.
Seminario La memoria del comunismo nei paesi dell’Europa centrale: immagini e realtà del passato nelle commedie post 1989. Organizzato in collaborazione con la cattedra di Storia dell’Europa Orientale (Prof. Francesco Guida) durante il secondo semestre dell’anno accademico 2001-2012.
Nell’anno accademico 2006-2007 ha realizzato in collaborazione con la cattedra di Storia contemporanea e con il Laboratorio di Ricerca e Documentazione Storica Iconografica il seminario La seconda guerra mondiale in 7 film.
Nell’anno accademico 2003-2004 ha curato, realizzando le schede critico-sinottiche dei film, il seminario La rappresentazione dell’Africa coloniale nel cinema coevo e in quello successivo al ritorno all’indipendenza.

PUBBLICAZIONI

Recensione del libro di Gian Piero Brunetta, Il ruggito del leone. Hollywwod alla conquista dell’impero dei sogni nell’Italia di Mussolini, “Il mestiere di storico”, n. 1, 2014.
Recensione del libro di Stefano Pisu, Stalin a Venezia. L’Urss alla mostra del cinema fra diplomazia culturale e scontro ideologico (1931-1953), “Mondo Contemporaneo. Rivista di storia”, n. 3, 2013.
Il nostro miglior nemico. I fascisti  nel cinema italiano: dall’alterità all’inclusione, in C. Baldassini (a cura di), 28 ottobre 1922. Storia e memoria di una conquista del potere, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2013, pp. 107-160.
            Terra di passioni, terra di conquista. Note sul rapporto fra cinema europeo e Africa dalle origini alla seconda guerra mondiale, “Mondo contemporaneo. Rivista di storia”, n. 2, 2013, pp. 115-144.
Schermi radioattivi. L’America, Hollywood e l’incubo nucleare da Hiroshima alla crisi di Cuba, Venezia, Marsilio, 2013, pp. 320.
Rassegna Cinema e fascismo - Raffaele De Berti, Il volo del cinema. Miti moderni nell’Italia fascista; Federica Della Pria, Dittatura e immagine. Mussolini e Hitler nei cinegiornali; Daniela Manetti, Un’arma poderosissima. Industria cinematografica e Stato durante il fascismo; “Il mestiere di storico”, n. 1, 2013, pp. 61-63.
            Uomini in nero. Il fascismo nel cinema italiano (1945-1962), in P. Cavallo, L. Goglia, P. Iaccio (a cura di), Cinema a passo romano. Trent’anni di fascismo sullo schermo (1934-1963), Napoli, Liguori, 2012, pp. 291-320.
            Recensione del libro di Francesco Carbone, Da Hitler a Casablanca via Hollywood, pubblicata sulla rivista “Il mestiere di storico”, n. 2, 2012.
L’impero sul grande schermo. Il cinema di finzione fascista e la propaganda coloniale (1936-1942), “Mondo contemporaneo. Rivista di storia”, n. 3, 2011
Recensione del libro di Emiliano Perra, Conflicts of Memory. The Reception of Holocaust Films and TV Programmes in Italy, 1945 to the Present, pubblicata sulla rivista “Mondo Contemporaneo. Rivista di storia”, n. 1, 2011.
Mluvit o fašismu v novém miléniu: Zvítězit Marca Bellocchia, (tit. or. Parlare del fascismo nel nuovo millennio: Vincere di Marco Bellocchio), “Kino/Ikon”, n. 2, 2010, pp. 65-72.
Fascisti di celluloide. La memoria del ventennio nel cinema italiano (1945-2000), Venezia, Marsilio, 2010, pp. 340. Vincitore del premio SISSCO opera prima 2011.
            Sbirri: alle radici di uno stereotipo negativo. Il poliziotto nei fogli satirici illustrati dell’Italia liberale, in F. Santilli (a cura di), In nome della legge. Tracce satiriche della polizia italiana tra Otto e Novecento, Roma, Ufficio Storico della Polizia di Stato, 2009, pp. 104-131.
Recensione del libro di Cristina Baldassini, L’ombra di Mussolini. L’Italia moderata e la memoria del fascismo (1945-1960), pubblicata sulla rivista “Mondo contemporaneo. Rivista di storia”, n.3, 2009, 186-191
Recensione del libro a cura di Israel Guttman, Bella Gutterman e Marcello Pezzetti per l’edizione italiana, Album Auschwitz, pubblicata sulla rivista “Mondo contemporaneo. Rivista di storia”, n.2, 2008, 196-201
Recensione al libro di Daria Gabusi e Liviana Rocchi, Le feste della Repubblica 25 aprile e 2 giugno, pubblicata sulla rivista  “Mondo contemporaneo. Rivista di storia”, n.2, 2007, 193-199
Recensione del libro di Maurizio Fantoni Minnella, Non riconciliati. Politica e società nel cinema italiano dal neorealismo a oggi, pubblicata sulla rivista “Mondo contemporaneo. Rivista di storia”, n.3, 2006, 180-185
Recensione del libro a cura di Antonio Medici, Schermi di guerra. Le responsabilità della comunicazione audiovisiva, pubblicata sulla rivista “Mondo contemporaneo. Rivista di storia”, n.1, 2006, pp.187-192
Recensione del libro di Vito Zagarrio, Cinema e fascismo. Film, modelli, immaginari, pubblicata sulla rivista  “Mondo contemporaneo. Rivista di storia”, n.3, 2005, pp.183-188