SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Giulia S. Bassi

foto di Giulia S. Bassi

Università di Milano

BIOGRAFIA

Dopo essersi laureata con lode in Storia contemporanea presso l’Università di Firenze con una tesi sulle narrazioni della leadership comunista italiana, ha ricevuto a pieni voti il titolo di dottore di ricerca in Storia delle Società, delle Istituzioni e del Pensiero presso l’Università di Trieste in co–dottorato con la University of Reading (Berkshire, UK). La tesi, intitolata Parole che mobilitano. Il concetto di “popolo” tra storia politica e semantica storica nel Partito Comunista Italiano, ha vinto il primo premio EUT–Trieste per tesi di dottorato edizione 2017.

Già borsista presso l’Università di Macerata (2007), membro del team di ricerca sulla collaborazione scientifica transnazionale durante la guerra fredda promosso dall’Università di Trieste (2017–2018), è stata borsista post–doc presso l’Università di Milano all’interno di un progetto sugli esuli politici in Italia tra la metà degli anni ’60 e la metà degli anni ’80 (2018–2019).

In seguito, ha condotto due anni di ricerca sulle narrazioni politiche e storiografiche del PCI presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro” in qualità di assegnista di ricerca (2018–2020). 

Docente di Storia contemporanea presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Milano–Università Cardinal Colombo (2017–2018) e presso l’Università di Parma, Dipartimento di Giurisprudenza, Studi Politici e Internazionali (2018–2020), ha tenuto svariate lezioni in corsi triennali, magistrali, e dottorali.

Attualmente insegna Storia dei movimenti politici e sociali al Dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Milano ed è titolare, presso il Dipartimento di Studi Storici dello stesso Ateneo, di un laboratorio sulle forme della comunicazione politica italiana tra 1943 e 2001.

Membro delle redazioni delle riviste di «Storia della Storiografia», «Historia magistra», e «FareStoria», è inoltre membro del Consiglio direttivo dell’Istituto Gramsci Toscano.

Da anni collabora attivamente con la Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea, di cui è socia, in qualità di membro della Commissione Stampa e, recentemente, della redazione del «Mestiere di Storico».

Ha presentato paper a numerosi convegni e seminari, nazionali e internazionali, su invito o per selezione, come relatore e coordinatore di panel. L’esperienza dottorale in Inghilterra, la curatela internazionale sui comunismi del XX secolo, e altre collaborazioni accademiche hanno valso una solida esperienza internazionale, per presentazioni, pubblicazioni, e approccio metodologico.

PUBBLICAZIONI

Storica della comunicazione politica contemporanea, è interessata alla storia del pensiero politico, alla storia  politica dell’Italia repubblicana, e alla storia della storiografia del XX secolo, con particolare riferimento alla tradizione marxista e comunista internazionale e nazionale.

Oltre ad alcuni saggi di riflessione teorico–storiografica e di metodologia della ricerca storica, i suoi principali lavori riguardano la storia e il discorso pubblico del Partito Comunista Italiano, e, in second’ordine, la retorica di alcuni movimenti della sinistra extraparlamentare italiana, come Lotta Continua, Avanguardia Operaia, e la galassia di gruppi espressione del neo–maoismo italiano.

Tali fenomeni sono indagati attraverso un originale approccio metodologico, che intreccia la storia politica col piano retorico–linguistico, analisi condotta sia da un punto di vista qualitativo (Discourse Analysis) che, in alcuni casi, quantitativo (Corpus Linguistics).

Di questi lavori qui si ricordano soltanto le monografie:

– La formazione della leadership comunista tra “utopia” e “compromesso”. Dalla nascita del partito al Memoriale di Yalta (1917–1964), collana “Historiae”, Parma, Athenaeum Edizioni Universitarie, 2020.

– Non è solo questione di classe. Il “popolo” nel discorso del Partito comunista italiano (1921–1991), collana “I libri di Viella” n. 328, Roma, Viella, 2019.

E la curatela internazionale:

– Words of Power, the Power of Words: the Twentieth–century Communist Discourse in International Perspective, collana “Studi di Storia” n. 6, Trieste, EUT, 2019.

Attualmente sta conducendo uno studio sulla retorica anticomunista nelle lettere e nei documenti relativi alla campagna di Russia (1941–1943).