SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Filippo Cordova. Il giurista, il patriota del Risorgimento, lo statista nell’Italia unita

Francesco Paolo Giordano

Acireale-Roma, Maimone, 194 pp., € 24,00 2013

Filippo Cordova rappresenta una delle personalità più avanzate di quell’élite liberale meridionale a cavallo tra due epoche, che occuperà anche all’interno dello Stato unitario una posizione di primo piano. Consigliere d’intendenza sotto i Borbone, avvocato demanialista, ministro delle Finanze nel Parlamento rivoluzionario siciliano del ’48, esule in Piemonte, consigliere di Cavour e infine ministro dell’Agricoltura e della Giustizia nel Regno d’Italia. Sono queste per sommi capi le tappe che scandiscono la biografia politica di Cordova, e che ne fanno a buon diritto uno dei protagonisti misconosciuti del Risorgimento e del processo di edificazione della nuova compagine statale. Il volume colma una lacuna; mancava infatti una ricerca monografica che componesse organicamente la figura dell’uomo politico siciliano. Frutto del lavoro di uno storico non di professione – l’a. è un magistrato – l’opera penetra acutamente negli snodi giuridico-amministrativi della carriera di Cordova, mentre il racconto biografico prevale su un’impostazione più propriamente storiografica. Il lavoro si compone di tre sezioni, ordinate secondo un’articolazione biografico-cronologica, più un’interessante appendice documentaria. La prima parte, dedicata all’adesione di Cordova ai moti del ’48, mette in rilievo l’importanza del personaggio nella Rivoluzione siciliana: da ministro abolisce l’odiato dazio sul macinato e, in linea con una visione politica antifeudale, nazionalizza e progetta di mettere in vendita i beni della Corona e degli aboliti ordini religiosi. A questo proposito, nell’appendice l’a. ricostruisce dettagliatamente, tramite documenti notarili inediti, la controversa questione riguardante il feudo di Cozzo Lupo, di cui il padre era enfiteuta, usata dai nemici politici per screditare la portata innovatrice dei provvedimenti del ministro. La parte centrale copre il decennio di preparazione dell’Unità nazionale: l’avvicinamento ai moderati piemontesi, con in testa prima D’Azeglio e poi Cavour, e le travagliate vicende che portarono all’annessione della Sicilia, compresa la delicata missione affidata a Cordova, divenuto di fatto emissario di Cavour dopo l’espulsione di La Farina decretata da Crispi. L’ultima sezione vede Cordova, in qualità di esperto giurista, affrontare i problemi relativi all’unificazione amministrativa e legislativa. Particolarmente approfondite le vicende relative alla presidenza della Commissione d’inchiesta sul corso forzoso, e alla costruzione dei canali Cavour, episodi in cui capitalismo finanziario e affarismo si intrecciano pericolosamente. Ne emerge la figura di un amministratore dotato di ineccepibili capacità tecniche e professionali. Un aspetto cui l’a. solo accenna, e che meriterebbe una più ampia trattazione, è invece il rapporto con la massoneria di cui Cordova fu Gran Maestro per poco più di un anno. La vittoria riportata su Garibaldi esprimeva infatti da parte dell’ordine una volontà filogovernativa che da lì a breve sarebbe venuta meno.


Fabrizio La Manna