SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Gli ebrei nella storia del Friuli Venezia Giulia. Una vicenda di lunga durata

Miriam Davide, Pietro Ioly Zorattini (a cura di)

Firenze, Giuntina, 372 pp., € 35,00 2016

Il volume presenta gli atti di un convegno internazionale organizzato dal Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah a Ferrara nel 2015 e contiene 20 contributi di impostazione e qualità eterogenea, che spaziano cronologicamente dall’alto Medioevo al ’900. Nell’Introduzione i curatori sottolineano il legame dell’iniziativa con il precedente convegno intitolato Il mondo ebraico (1989), i cui atti furono pubblicati nel 1991 a cura di Giacomo Todeschini e Pier Cesare Ioly Zorattini. Mentre gli anni ’90 hanno rappresentato una fase di fermento e crescita degli studi sull’ebraismo italiano, oggi il dibattito è fermo e scarseggiano novità editoriali di rilievo. Questa pubblicazione è dunque più che benvenuta, anche se l’unico filo conduttore è l’area geografica di riferimento, e questo non consente di mettere a fuoco nodi problematici e proposte metodologiche. Sarebbe stato utile introdurre suddivisioni tematiche interne, per agevolare la lettura del volume. Tra i contributi che interessano l’età contemporanea, si segnalano quelli che si concentrano sui temi più rilevanti per la storia ebraica contemporanea e, in particolar modo, sull’integrazione sociale, economica e culturale. Il problema dell’integrazione delle élite ebraiche è messo bene a fuoco – nel caso di Udine – da Emanuele D’Antonio, che segue gli acquisti di proprietà immobiliari e la partecipazione ad attività filantropiche e ai circuiti di sociabilità attraverso i quali la famiglia Ventura si ritagliò uno spazio rilevante nel tessuto sociale ed economico cittadino ben prima dell’emancipazione. Sempre sull’integrazione delle élite è interessante il saggio di Anna Millo che si concentra soprattutto sugli imprenditori «di origine ebraica» (p. 207) a Trieste fra ’800 e ’900, in particolare sulle Assicurazioni Generali e la Riunione Adriatica di Sicurtà. Di sionismo – dalle origini agli anni ’30 – si occupa Marco Bencich, che descrive l’evoluzione del movimento a partire dall’esperienza del «Corriere Israelitico» in una chiave che appare un po’ apologetica e poco analitica. Pietro Ioly Zorattini presenta alcuni dati sulle conversioni al cattolicesimo a Udine e Gorizia nell’800, senza però offrire spunti interpretativi su un tema che resta complessivamente poco esplorato dalla storiografia. Il contributo di Lois Dubin Why Trieste? problematizza il mito di Trieste e le categorie a cui è associato, ricordandoci che diversità/eterogeneità e cosmopolitismo non sono necessariamente sinonimi. Uscendo dalla dimensione locale, si chiede perché il caso triestino è rilevante per la storia ebraica europea, con riferimento ad emancipazione, acculturazione, e alla categoria – da lei stessa coniata e ampiamente discussa nel dibattito internazionale – di «port Jews» (pp. 198-199). Gli altri autori che si occupano di ’800 e ’900 sono Valerio Marchi, René Robert Moehrle sui rapporti dei consoli tedeschi a Trieste fra 1919 e 1945, Maddalena Del Bianco Cotrozzi, Marco Grusovin su Isacco Samuele Reggio, Fulvio Salimbeni su Graziadio Isaia Ascoli, Livio Vasieri, Mauro Tabor sulla frattura della Shoah.


Carlotta Ferrara degli Uberti