SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Il regime di occupazione sovietico in Germania

Vladimir Kozlov, Marina Kozlova

Roma, Aracne, 103 pp., € 10,00 2014

Seconda uscita della collana L’altra Europa, diretta da Francesco Benvenuti con Stefano Bottoni, Stephen Kotkin, Silvio Pons e Robert Service, tra i migliori specialisti di storia russa e dell’area che fece parte della sfera egemonica dell’Urss, questo volume rappresenta un pregevole tentativo di interpretare la politica di occupazione sovietica nella Germania centrale (denominata nel periodo della Guerra Fredda «Germania orientale», la zona d’occupazione sovietica, trasformatasi poi nel 1949 in Repubblica democratica tedesca, comprendeva semmai la «Germania centrale», posto che, in riferimento ai confini di Versailles, erano «Germania orientale» Pomerania, Slesia e Prussia orientale), politica caratterizzata da una spiccata durezza verso la popolazione civile. Sfuggendo alla diatriba tra chi ha presupposto una volontà punitiva del vertice staliniano e chi ha attribuito la responsabilità di maltrattamenti, furti, rapine e stupri a reparti dell’Armata Rossa portatori di modalità «tradizionali» di condurre la guerra, gli aa. hanno scelto un approccio originale servendosi di strumenti di natura linguistica: una volta verificata l’esistenza di ordini, emanati sia dalle massime autorità militari e civili della zona di occupazione, sia dal centro staliniano che proibivano e punivano gli atti di besčinstvo – termine secondo il prefatore e traduttore Benvenuti non restituibile in italiano a causa del suo assai esteso e non poco variabile campo semantico, «comprensivo di ogni tipo di azione inaccettabile nei confronti della popolazione tedesca […] dal saccheggio, lo stupro, la rapina, agli atti di teppismo e al furto di mele dai frutteti» (p. 10) – la questione era comprendere il motivo per il quale essi o non venivano applicati o lo erano in modo parziale nonché differente da distretto a distretto. Secondo gli aa., «la semantica dei medesimi termini e concetti, usati dagli autori e dai destinatari dei documenti […] consentiva anche interpretazioni diverse di fatti linguistici apparentemente identici» (p. 22); di conseguenza, «a partire dalla fine delle guerra, i “vertici” e la “base” presero a parlare degli atti di besčinstvo in due diversi dialetti burocratici: alla durezza dei giudizi e delle minacce dei vertici […] spesso si opponeva un comportamento lessicale della “base” “blando”, “comprensivo”, “escusatorio”» (p. 42). L’ingorgo semantico trasse origine dalla svolta che alla fine della guerra la direzione staliniana volle imprimere alla propaganda indirizzata ai propri soldati, di cui fu simbolo la direttiva dell’11 giugno 1945 che sostituiva in tutti i fogli diretti alla truppa la parola d’ordine «Morte agli occupanti tedeschi» con «Per la nostra patria sovietica», e che si nutriva dell’esigenza di trovare consenso nella popolazione civile tedesca in vista delle future decisioni sulle sorti del paese. Se l’approccio degli aa. al tema è indubbiamente stimolante, e molto utile è il richiamo al fondo archivistico ora on line su cui essi hanno lavorato, resta qualche dubbio sul modello di analisi sociolinguistica praticato, a volte non esente da schematismi.


Brunello Mantelli